Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Album Foto > Album personali > ste67 5326 immagini in 374 albums visti 403258 volte
Un giretto al Musinè



Anello non perfetto in quanto la prima salita e il rientro a valle si sono svolti lungo il medesimo itinerario. Partenza da Caselette e ascesa in vetta lungo il classico itinerario della cresta o costa della croce. Dalla vetta discesa al colle della Bassetta e poi, tralasciato il sentiero che porta alla Taisonera, discesa a valle seguendo prima il sentiero e poi la pista forestale fino al punto in cui, nei pressi di una vasca di raccolta acqua, s'immette in una seconda pista sterrata. Svolto a sinistra e seguo in discesa la seconda pista fino ad un bivio, ove inizia la strada sterrata che sale al punto panoramico posto sulla cresta ovest del Musinè.
Dopo tanta discesa riprendo a salire in direzione del punto panoramico.
Oltre il punto panoramico seguo il ben tracciato sentiero fino a raggiungere, di nuovo, la vetta del Musinè.
Discesa lungo il percorso della costa della Croce.


Data: 23/04/2015
Partenza da: Caselette ( To)
Dislivello: complessivo 1302 m
Zona: Bassa val di Susa.
Difficoltà: E

4 Immagine(i), Inserita il 03/05/2015

Tre denti di Cumiana, Freidour e il monte Cristetto.



San Martino di Cantalupa e poi le punte est e centrale dei tre denti di Cumiana salendo dal sentiero 051. Proseguo poi lungo il sentiero di cresta che passando dai colli Aragno est e ovest, arriva al monte Freidour. Da quest'ultima vetta discesa al colle Sperina, passando dalla omonima croce, raggiungendo poi il colle Pra l'Abba dal quale , mediante la pista forestale oltrepasso il colle Ceresera fino ad arrivare nei pressi del monte Cristetto. Per la salita in vetta abbandono la pista per seguire una traccia che sale in direzione della cresta spartiacque con il versante val Sangone. La traccia è poco evidente e sono presenti, lungo la cresta, ometti in pietra. raggiunto il Cristetto, una breve sosta e poi rientro percorrendo il medesimo tragitto dell'andata fino a raggiungere il colle Sperina, dal quale scendo, su sentiero, in direzione Casa Canada.
Dal rifugio scendo, ancora su sentiero, fino a trovare la pista forestale, che sale dalle case Scrivanda e che aggira la roccia Castellar e mi riporta al punto di partenza.
Un bel giretto dello sviluppo di circa 15 km,
Buone gite.

Data: 16/04/2015
Partenza da: Cantalupa (To) S.Martino.
Dislivello: complessivo 1350 m circa
Zona: Cantalupa.
Difficoltà: E

15 Immagine(i), Inserita il 22/04/2015

La grotta Ciumera a Cantalupa.



Seguendo il sentiero contrassegnato dal segnavia 051 che da Cantalupa conduce , passando per il colle della Bessa, al dente orientale di Cumiana notavo la presenza di un cartello indicante la grotta Ciumera.
Il cartello, di recente installazione, indica il tracciato che dal sentiero principale si stacca ed in breve conduce ad una grotta posta sotto ad una parete rocciosa.
Anche il sentiero che la raggiunge è stato di recente ripulito e tracciato con segnaletica.
In breve, dal bivio si arriva alla grotta e la deviazione merita di essere effettuata.
Buone gite

Data: 16/04/2015
Partenza da: Cantalupa ( To) San Martino
Zona: Val Noce.
Difficoltà: E

7 Immagine(i), Inserita il 17/04/2015

La punta dell'Aquila da Ponte Pietra



Salita alla punta dell'Aquila partendo da Ponte Pietra, seguendo il sentiero che inizia dopo il ponte sul rio Fronteglio e prosegue sempre segnato dalle tacche bicolori bianco - rosse, fino alla borgata Viretta per poi arrivare a Pra Fieul.
Raggiunta questa borgata seguo il sentiero che tagliando più volte la strada asfaltata mi permette di arrivare all'alpe Colombino, consueto punto di partenza per salire alla punta dell'Aquila.
Da qui in poi il percorso non ha bisogno di descrizioni.
Gita pensata a suo tempo, durante le altre gite all'Aquila ed ora messa in pratica e che consente di percorrere un buon dislivello in salita.
Buone gite


Data: 11/04/2015
Quota max: 2119 m
Partenza da: Ponte Pietra - Giaveno (To)
Quota partenza: 573 m
Dislivello: 1546 m
Zona: Val Sangone
Difficoltà: E

9 Immagine(i), Inserita il 14/04/2015

Il Maometto di Borgone.



Di ritorno dal giretto sopra Novalesa una sosta per vedere il Maometto di Borgone. Dalla zona del Maometto ricerca del sentiero che sale alle borgate . Il sentiero parte nei pressi delle due macine in pietra incompiute e sale fino a raccordarsi con una traccia più marcata che ho seguito svoltando a destra e che mi ha portato alla strada asfaltata che sale alle borgate Chiampano ed Achit.
Ho proseguito fino a Chiampano seguendo la strada e poi sulla mulattiera fino a monte della b.ta Achit.
Da quest'ultima borgata seguendo un'altra mulattiera sono ritornato sulla strada fatta in salita nei pressi del bivio per la b.ta Chiampano .
Dal bivio, ripercorrendo il percorso seguito all'andata sono ritornato al sito del Maometto.
Buone gite

Data: 28/03/2015
Partenza da: Borgone di Susa (To)
Dislivello: m 240 circa complessivi.
Zona: Bassa Val Susa
Difficoltà: E

5 Immagine(i), Inserita il 02/04/2015

Da Novalesa salendo in direzione del bivacco F.lli Chiaberto.



L'idea era di percorrere il sentiero che sale da Novalesa in direzione del bivacco F.lli Chiaberto. Dal paese, dove è presente una tabella in legno, occorre seguire la strada asfaltata che porta alla borgata S.Anna ove inizia una pista, per alcuni tratti asfaltata, che sale nel bosco fino a terminare in corrispondenza di un piazzale. Oltre il piazzale si prosegue lungo una bella mulattiera, che sale decisa, lungo la quale sono presenti, un poco sbiaditi, i classici segnavia in vernice bicolore.
Per l'occasione, salendo, ho trovato ancora neve così, una volta raggiunte le baite ormai dirute della borgata Traverse ho proseguito ancora un poco fino ad arrivare in vista della costruzione in muratura che costituisce il bivacco.
Da rifare un poco più in la nella stagione, quando la neve si sarà sciolta.
Buone gite


Data: 28/3/2015
Partenza da: Novalesa (To)
Dislivello: complessivo 820 m circa
Zona: Val Cenischia.
Difficoltà: E

10 Immagine(i), Inserita il 01/04/2015

Monte Bracco da Barge



Escursione al monte Bracco con partenza da Barge in piazza San Rocco. Oltre il torrente, che si oltrepassa su un ponte in pietra, è presente una bacheca e la palina che indica il percorso per salire alla Trappa e poi al monte Bracco. Il sentiero sale al Castello superiore e prosegue fino al Pian San Michele ove confluisce su una pista sterrata che sale fino alla Trappa. Presenti cartelli segnaletici ove necessario e tacche bianco rosse lungo il percorso.
Per l'occasione, oltre la Trappa, la strada sterrata che porta verso la croce d'Envie si presentava abbondantemente innevata. Sarebbero servite le ciaspole ma erano rimaste a casa. Proseguito, pertanto, seguendo una traccia di sci su neve sfondosa. La traccia battuta consentiva solo a tratti di non sprofondare nella neve. Raggiunta comunque la cima purtroppo immersa nella nebbia.
Discesa lungo il medesimo tracciato seguito in salita.
Buone gite

Data: 21/3/2015
Partenza da: Barge (Cn)
Dislivello: complessivi 1020 m circa.
Zona: Barge ( Cn)
Difficoltà: E

13 Immagine(i), Inserita il 24/03/2015

Il monte San Giorgio e la stra di babi



La stra di babi, altro non è che la via dei rospi, un vecchio percorso che dalla piazza di san Vito scende nel concentrico di Piossasco. Inizia di fronte alla piazza di S.Vito, oltre un arco, lungo la stradina inghiaiata denominata v. Domenico Savio. Sulla parete della casa sotto l'arco è presente un cartello in legno. Il percorso prosegue poi come un sentiero che costeggia un torrentello in un tratto di campagna non ancora edificato.
Il percorso termina in corrispondenza di alcune abitazioni e confluisce nella viabilità asfaltata.
Percorso dell'anello : Partenza da via Pinerolo, in salita lungo le vie Trento, Magenta fino a raggiungere la via M.Davide e poi su stradina sterrata che costeggia un acquedotto, raggiungo la sbarra di via Monte Grappa.
Salita alla vetta in parte lungo la pista sterrata e poi su sentiero lato nord, il percorso delle lame.
Dalla vetta discesa su San Vito. Stra di babi, al termine della quale, a sinistra seguendo le vie Galvani, Einaudi svoltando poi a sinistra in via Battisti per ritornare al punto di partenza.


Data: 6/3/2015
Partenza da: Piossasco (To)
Dislivello: complessivo 540 m
Difficoltà: E

5 Immagine(i), Inserita il 21/03/2015

Le vigne del Rocco di Borgone.



Partenza da San Valeriano ove inizia il sentiero che sale a Gandoglio. Il tracciato, purtroppo non è segnato e le uniche tacche ( macchie direi) di vernice rossa non vanno seguite perchè portano fuori strada. Si parte dalla chiesa vecchia e si attraversa il prato fino in fondo ove inizia il sopra citato sentiero. Il tracciato passa vicino al punto panoramico detto Bal d'le Masche contrassegnato da un ometto in pietrame posto su un roccione in posizione panoramica. Il sentiero termina in corrispondenza di tralicci di sostegno dei ripetitori di Gandoglio.
Su strada asfaltata attraverso la borgata fino ad arrivare ad una sterrata chiusa da una sbarra. seguendo la sterrata fino quasi al termine trovo sulla destra la mulattiera selciata che sale nella zona ove un tempo, il versante della montagna era stato disboscato ed erano stati costruiti terrazzamenti ed impiantati filari di vite per produrre uva da vino.
La mulattiera attualmente attraversa zone ormai abbandonate e dopo aver superato un agglomerato di costruzioni rustiche ormai invase dai rovi si addentra in una zona boschiva. Dopo un bel tratto di salita il tracciato confluisce sulla strada sterrata che scende alla borgata Vianaudo. Salgo ancora un poco lungo la sterrata fino ad arrivare al pilone ove transita il sentiero che sale alla chiesetta di Prarotto. Ancora un poco di salita lungo tale sentiero ma il tempo disponibile è finito e rientro a valle lungo il medesimo percorso effettuato in salita.
Una bella passeggiata lungo un bel percorso, purtroppo non segnato ne corredato di paline o altre indicazioni.
Buone gite

Data: 26/2/2015
Partenza da: Frazione San Valeriano - Borgone di Susa.
Dislivello: complessivo m 850 circa
Zona: Bassa val Susa (To)
Difficoltà: E

10 Immagine(i), Inserita il 01/03/2015

Punta dell' Aquila.



Gita fatta, in passato, molte volte ma sempre piacevole da ripetere. Per l'occasione è presente una traccia ben battuta e poca gente sul percorso.
Un pomeriggio speso bene.
Buone gite.


Data: 20/2/2015
Partenza da: Alpe Colombino
Dislivello: complessivo m 860
Zona: Valsangone Giaveno (To)

7 Immagine(i), Inserita il 24/02/2015

374 albums in 38 pagina(e) 1 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 38

Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
26 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 26

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it