Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Album Foto > Album personali > ste67 5231 immagini in 367 albums visti 387140 volte
La Curbasiri - Colle della Roussa.



Bella passeggiata mattutina in val Sangone con meta La Courbasiri, panoramica vetta tra il colle della Roussa e il monte Bocciarda.
Prima parte del percorso su pista forestale chiusa la transito e restante parte su sentieri battuti e ben segnati.
Sviluppo complessivo di circa km 14, 80 per un tempo complessivo, in movimento, di 4 ore e 15 min.


Data: 6/12/2015
Quota max: 2214 m
Partenza da: Strada per pian Neiretto- Coazze
Quota partenza: 1150 m
Dislivello: 1064 m
Zona: Val Sangone - Coazze (To)
Difficoltà: E

13 Immagine(i), Inserita il 08/12/2015

Monte Molaras e il sentiero dei partigiani a Costa Rossa.



Escursione da Foresto al monte Molaras seguendo il sentiero 560 che sale subito deciso il soleggiato versante.
Proseguimento della gita con l'anello che comporta la salita fino all'alpe Arcella e la discesa dalla borgata Tour fino nei pressi del raccordo tra i sentieri 559 e 560.
Ho lasciato il monte Molaras e seguito la sterrata che porta alla borgata Sollietto, e proseguendo oltre fino al punto in cui, a margine della pista, riprende il sentiero 560 che porta alla borgata Servel, alle grange Sevine e all'alpe Arcella. Nella località grange Sevine i partigiani della Divisione Stellina, nel periodo della resistenza, hanno combattuto e vinto una battaglia e in loco è presente un cippo commemorativo.
Dall'alpe Arcella, seguendo la strada sterrata, sono arrivato alla località Costa Rossa ove oltre all'omonimo alpeggio vi è un monumento dedicato ai partigiani.
Per la discesa ho seguito il sentiero 559, passando dalla borgata Tour, raggiungendo, nei pressi del Sollietto, il sentiero 560, seguito in salita e percorso, anche, in discesa.
Giornata ventilata, soprattutto nella parte alta del percorso, sentieri puliti e solo alcuni brevi tratti, per raggiungere le grange Sevine, con ghiaccio che non ha creato problemi.
Tempo complessivo 5 ore e 35 minuti per una distanza, complessiva di circa 16,62 km.
Itinerario piacevole e panoramico in questo anomalo mese di novembre che consente ancora gite a piedi in quota.

Data: 28/11/15
Partenza da: Foresto (To)
Dislivello: complessivo m 1620 circa
Zona: Bassa Val di Susa
Difficoltà: E

24 Immagine(i), Inserita il 29/11/2015

Traversata del monte San Giorgio.



Sempre poco tempo per fare gite ed allora niente di meglio di una traversata del monte San Giorgio partendo nei pressi della casa Martignona in via del Campetto.
Il primo tratto di sentiero, fino alla Croce dei Castelli, è stato ripulito dalla vegetazione che lo invadeva. Il resto del percorso, fino in vetta, è quello che parte da San Vito. Raggiunta la vetta scendo lungo il sentiero detto ' delle lame ' sul versante a Nord, abbandonandolo poi per raggiungere la strada sterrata in corrispondenza della bacheca del pino nero. A questo proposito faccio notare che la strada sterrata che sale in vetta al monte San Giorgio, in questi giorni, novembre 2015, è oggetto di lavori di spianamento.
Dalla bacheca scendo fino al pilone dedicato a San Isidoro.
A questo punto inizio la risalita per raggiungere la vetta ripercorrendo il sentiero fino in corrispondenza della bacheca del pino nero e poi seguendo la strada fino al cippo degli alpini. Tagliando i numerosi tornanti della strada, raggiungo, per la seconda volta, la vetta del monte.
Per la discesa, fino al Colle della Serva seguo la strada sterrata per poi imboccare il sentiero diretto verso la Croce dei Castelli, punto raggiunto all'inizio della prima salita. Da qui, in breve, rientro al punto di partenza.


Data: 14/11/15
Partenza da: Piossasco (To)
Dislivello: complessivo 1020 m
Difficoltà: E

5 Immagine(i), Inserita il 17/11/2015

Notturna alla punta Aquila



In vari anni salito all'Aquila con terreno asciutto, neve, nebbia ed ora per completare anche in notturna. Il clima molto favorevole di questo mese di novembre, con un ottima temperatura, ha agevolato la salita.
Una piacevole passeggiata con le pile frontali.



Data: 6/11/15
Dislivello: 861 m complessivo
Difficoltà: E

2 Immagine(i), Inserita il 14/11/2015

Truc Castelletto



Giretto pomeridiano su sentieri già percorsi in passato.
Partenza dalla borgata Giagli con percorso che ha raggiunto le borgate Pralesio, Bonaudi ed Audani . Raggiunto poi il sentiero 549 l'ho seguito fino al raccordo con il sentiero che porta al colletto nei pressi dell'alpe Castelletto, ove in breve, ho raggiunto la cima del Truc Castelletto.
Rientro a valle effettuato passando dalle borgate Cordole, Magnotti, Moni e Campo Rosssetto, allungando così un poco il percorso di rientro.
Buone gite



Data: 4/11/2015
Partenza da: Borgata Giagli - Condove (To)
Dislivello: complessivo m 1040
Zona: Bassa Val Susa
Difficoltà: E

11 Immagine(i), Inserita il 09/11/2015

L'Aquila e l'Uja.



Escursione alla punta Aquila con proseguimento lungo la cresta che separa la val Sangone dalla val Chisone fino a raggiungere il monte Uja posto poco lontano dal monte Bocciarda.
Dall' Aquila ho seguito il sentiero 412 mentre al ritorno, ho risalito i due modesti rilievi presenti sulla cresta, la punta Meina e la cimetta innominata posta di fronte all'Aquila, in corrisponendenza del termine della cresta inverso la morte che sale dalla punta Merla.
Sviluppo complessivo di circa Km 13,86 per un tempo, complessivo, di 4 ore e 50 minuti.
Buone gite


Data: 25/10/2015
Partenza da: Alpe Colombino Giaveno (TO)
Dislivello: complessivo 1260 m
Zona: Val Sangone (To)
Difficoltà: E

22 Immagine(i), Inserita il 28/10/2015

Sentieri a margine dell'orrido di Chianocco.



Piacevole escursione in bassa val Susa lungo i sentieri nella zona dell'orrido di Chianocco.
Da Chianocco a Pavaglione lungo il sentiero 541 il quale pur essendo segnato da tacche bianco rosse ben evidenti, a tratti è ristretto e nella parte finale addirittura invaso da vegetazione arbustiva spinosa. Servirebbe una bella pulizia.
Da Pavaglione breve percorso su sentiero e poi un tratto di pista forestale a mezza costa, fino a trovare, sulla destra, un sentiero che sale nel bosco. La traccia, non segnata dalle consuete tacche bicolore, sale fino a confluire sul sentiero che corre parallelo ad una canaletta realizzata per lunghi tratti in pietra e che è una antica bealera che captava le acque dal torrente Prebec. Seguendo il tracciato lungo il canale ad un certo punto raggiungo il bivio per Strobietti. Dal bivio, proseguo lungo il sentiero in salita fino a raggiungere l'alpe Gardinera ove vi è un poco di neve caduta di recente. Nell'area pianeggiante davanti all'alpeggio vi è un malconcio pilone che, su un lato, ha una lapide a ricordo di due partigiani caduti.
Discesa fino al bivio descritto in precedenza e lasciato il sentiero di salita, scendo in direzione di Strobietti che raggiungo dopo aver attraversato, mediante un guado, il torrente Prebec. Dopo il guado il percorso confluisce in una pista sterrata.
Raggiunta la borgata Molè mediante la strada carrozzabile rientro al punto di partenza seguendo il sentiero 565, segnato e ben percorribile.


Data: 17/10/2015
Quota max: 1570
Partenza da: Chianocco (To)
Quota partenza: 550
Dislivello: 1020 m
Zona: Bassa val di Susa
Difficoltà: E

14 Immagine(i), Inserita il 20/10/2015

Due Certose e la pista forestale che sale alla borgata Tampe.



In una precedente gita, salendo alla borgata Banda avevo notato, sul versante opposto, sopra l'abitato di Villarfocchiardo, una pista forestale, di recente costruzione, che saliva nel bosco.
Ritorno in loco, pertanto, per esplorare il nuovo tracciato; una pista forestale che da via Limbo, in Villarfocchiardo, sale alla borgata Tampe.
La pista parte lungo la strada che sale a Montebenedetto- Fumavecchia, all'inizio della medesima, al termine dell'abitato, poco prima del ponte sul torrente. All'inizio è chiusa da una sbarra metallica, ma a piedi o in bici, è percorribile. Sale nel bosco con tracciato che alterna tornati a rettilinei alcuni dei quali a pendenza sostenuta . Il fondo, ovviamente, è sterrato.
Raggiunta la borgata Tampe, in posizione molto panoramica, proseguo su sentiero fino alla vicina chiesetta di S. Rita.
Da questa località. per tracce di sentiero o direttamente nel bosco, salgo fino a raggiungere il Sentiero dei Franchi ad una quota di circa 1560 m ove trovo, anche il confine del Parco Orsiera- Rocciavrè. Raggiunto il punto di maggior quota del giro, inizio la discesa toccando la Fontana del Vallone, l'alpe Fumavecchia e la certosa di Montebenedetto.
Da quest'ultima rientro a valle tramite il sentiero n° 523 che scende alla borgata Banda, ove vi era l'omonima certosa. Da questa borgata, in breve, mediante il sentiero faccio ritorno a Villarfocchiardo.

Data: 7/10/2015
Partenza da: Villarfoccchiardo (To)
Dislivello: 1100 m complessivi
Zona: Bassa Val Susa (To)
Difficoltà: E

23 Immagine(i), Inserita il 13/10/2015

Monte Freidour dai Picchi di Cumiana.



Giretto al Freidour con partenza dalla località Pradera dei Picchi di Cumiana. Seguito itinerario SDB toccando le borgate Ronco e Bastianoni e poi al bivio per il Pra l'Abba, lasciato il SDB per proseguire in direzione Tre Denti. Oltre la fontana del Pieu, al bivio per i Tre Denti, tralascita la deviazione e proseguito su traccia con fondo sassoso, non segnata, diretta alla cresta ove transita il sentiero per il Freidour. Il punto di connessione tra i due tracciati è posto su una elevazione della cresta tra i colli Aragno est e ovest. Proseguito poi in direzione del monte Freidour. Discesa dal colle Sperina ove ho notato che è stata posata una croce metallica ed una tabella commemorativa a ricordo degli aviatori periti durante la seconda guerra mondiale in occasione di una missione per portare rifornimenti alle truppe partigiane.
Per chiudere il giro sono salito al vicino monte Sette Confini, per poi scendere al colle Pra l'Abba e rientrare al punto di partenza sul tracciato del percorso SDB.
Bella passeggiata.

Data: 4/10/15
Partenza da: Pradera dei Picchi Cumiana (TO)
Dislivello: 955 m complessivo
Difficoltà: E

12 Immagine(i), Inserita il 06/10/2015

Punta Baldassarre .



Bella gita in Valle Stretta per salire su una delle vette dei Re Magi, imponenti cime che ben contraddistinguono la valle.
Per la salita mi sono state utili le indicazioni presenti su una notizia pubblicata su LaFioca alcuni anni fa da F.Senore, che con l'occasione ringrazio .
Se non avessi letto la notizia, non avrei pensato che fosse possibile, arrivare in vetta alla Baldassarre con un percorso che non richiede, di fatto nozioni alpinistiche.
Partito attorno alle 14.00 dalle grande di Valle Stretta ho risalito la valle fino al ponte della Fonderia.
Per arrivare all'inizio del canalone che sale al colle Bernauda, sono salito lungo il sentiero diretto al colle di Valle Stretta, fino al di sopra della balza rocciosa presente al termine della salita dopo il ponte in legno. Nel punto in cui il sentiero inizia a spianare leggermente, l'ho abbandonato per piegare a destra andando ad attraversare il torrente, perdendo un poco di quota, fino a risalire sul lato opposto per poi arrivare alla base dei ghiaioni e portarmi all'imbocco del canalone ghiaioso. Il primo tratto, pur ripido, è su terreno compatto, poi iniziano i ghiaioni, molti dei quali friabili e per questo faticosi. Occorre cercare le zone di terreno più compatte. Ad un certo punto s'incontra una fascia rocciosa, che si supera agevolmente a destra, oltrepassando un facile salto roccioso.
Dopo il salto la salita riprende su roccie compatte e poi di nuovo su pietraie costituite da pietrisco molto mobile.
La salita a causa del pietrisco è faticosa e per questo direi che la vetta non è regalata.
In compenso in discesa, sul pietrisco, si viaggia un poco più disinvolti, a patto di non temere l'usura delle suole degli scarponi.
Unico suggerimento è quello di non avventurarsi nel canalone in caso di pioggia in quanto i segni di erosione sono notevoli e il ruscellamento dell'acqua durante le pioggie deve portare a valle una notevole quantità di detriti.
Raggiunta la vetta ampio panorama. Presente ometto in pietra e contenitore per le firme in materiale plastico contenente un quaderno.
Discesa senza problemi, comunque affrontata con attenzione, per rientrare alle grange di Valle Stretta alle 20.00.

Data: 26/9/2015
Quota max: 3156 m
Partenza da: Grange di Valle Stretta (F)
Quota partenza: 1765 m
Dislivello: 1391 m
Zona: Valle Stretta (F)

30 Immagine(i), Inserita il 28/09/2015

367 albums in 37 pagina(e) 1 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 37

Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
27 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 27

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it