Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Album Foto > Album personali > andrea72 15041 immagini in 651 albums visti 1547267 volte
Becca France (06 maggio 2007)



Bella gita con la famiglia ad una 'cimetta' estremamente panoramica. Si parte nei pressi di Vetan, poco oltre il paese, risalendo in auto la stradina che sale agli alpeggi superiori fino ad incontrare il cartello di divieto di transito. Si segue quindi la carrareccia che a lieve pendenza sale a Mont Loé. Al bivio, a causa del forte vento freddo proveniente dal vallone a nord, rinunciamo a compiere il giro ad anello e seguiamo le indicazioni per l'itinerario (sentiero 11B) che passa per la cresta sud (che avremmo dovuto invece percorrere in discesa) sperando che sia un po' più riparato. In effetti nel bosco sul versante sud non c'è vento e velocemente il sentiero con qualche saliscendi raggiunge la cresta. Da qui inizia la parte più ripida e panoramica, con il sentiero che segue il filo della esposta cresta creata dalla immensa frana sul versante est della Becca France. Bravissima Elisa che ha percorso con attenzione la cresta che non ha nessuna vera difficoltà, ma per la ripidezza ed esposizione in alcuni punti, necessita di passo sicuro. In breve si è in vetta... vento gelido ad accoglierci e... discesa immediata... di effettuare la traversata verso la quota 2348 m, manco a parlarne! Comunque molto bello il panorama dalla sommità. Dopo aver disceso un breve tratto di cresta scendiamo direttamente nella valletta sottostante per andare a raggiungere una traccia di sentiero che permette, senza ripercorrere l'intera cresta, di riportarsi sul sentiero di salita sul versante sud. Da qui si ripercorre il sentiero e la carrareccia percorsa all'andata ritornando al punto di partenza. Bella passeggiata, peccato per la giornata piuttosto fredda e ventosa, ma da come si erano messe le cose nella prima parte della salita è andata decisamente bene.

Data: 06 maggio 2007
Quota max: 2312 m
Partenza da: Vetan
Quota partenza: 1770 m
Dislivello: 658 m
Zona: Val d'Aosta
Difficoltà: E

31 Immagine(i), Inserita il 09/05/2007

Rocca di Cavour (05 maggio 2007)



Bella e poco faticosa passeggiata per esplorare la riserva naturale speciale della Rocca di Cavour. Si parte da Cavour, si entra nel centro storico del paese (sabato scorso tra l'altro caratterizzato dalla bella fiera 'Cavour in fiore') e si raggiunge la chiesa ed il campanile di San Lorenzo. Poco dopo, sulla dx, si trova la bacheca illustrativa con gli itinerari possibili per la Rocca. Per non sbagliare... abbiamo studiato ed effettuato un bel percorso, molto vario, che li concatena e percorre... tutti! Risaliamo quindi la Scala Santa e seguiamo il primo tratto dell' 'Itinerario Nord'; al primo bivio si prende il sentiero a sx seguendo le paline del 'Sentiero delle Mura'. Il sentiero costeggia le antica mura medioevali, quindi riattraversa l'Itinerario Nord e raggiunge la località Mori 'd Crin. Un breve tratto nel bosco e si è poco sotto il Ristorante della Vetta. Prendiamo a sx la scalinata in pietra seguendo i segni azzurri del 'Sentiero delle Grotte' che in pochi minuti porta all'imbocco delle grotte della rocca. Proseguiamo lungo il sentiero fino ad incrociare di nuovo l'Itinerario Nord; pochi passi e si è al parcheggio della rocca dove sulla sx parte il 'Sentiero di Bramafam' che con un breve anello porta sulla sommità est della rocca dove si trovano i resti della Torre Bramafan, quindi si ritorna al parcheggio. A questo punto, seguendo il viottolo selciato e la ripida scalinata finale, si raggiunge la vetta della Rocca di Cavour. Dopo la merenda nei pressi del bar-ristorante (chiuso), scendiamo lungo la stradina di accesso ('Itinerario Sud') fino al tornante in cui, sulla sx si individua il 'Sentiero della Pera d'la Pansa', che contorna la rocca sul lato est e riporta a Cavour. Bel giretto pomeridiano a saliscendi con ottimi panorami, consigliatissimo.

Data: 05 maggio 2007
Quota max: 462 m
Partenza da: Cavour
Quota partenza: 300 m
Dislivello: 283 m
Zona: Pinerolese
Difficoltà: T/E

18 Immagine(i), Inserita il 08/05/2007

Ciclostrada Borgaretto - San Mauro (01 maggio 2007)



Enrico l'ha già raccontata... aggiungo qualche particolare della giornata. Oggi il meteo non da' garanzie per una gita in montagna per cui si pensa ad un giretto in bici con la famiglia restando in pianura, dove in teoria non dovrebbe piovere... Al mattino mi chiama Enrico un po' sconsolato... infatti ad Avigliana pioviggina... da noi invece c'è addirittura un pallido sole che cerca di fare capolino dalle nuvole... è fatta, un'oretta dopo la famiglia Scagliotti è da noi con le bici... partiamo e seguendo la ciclostrada tocchiamo il Boschetto di Nichelino, il parco Colonnetti, il parco delle Vallere quindi raggiungiamo il parco del Valentino ed il Borgo Medioevale dove sostiamo per il pranzo. Si riparte e sempre lungo il Po raggiungiamo i Murazzi dove siamo costretti ad effettuare la prima delle tappe-pioggia della giornata. Pochi minuti e smette di piovere... ripartiamo. Nel parco Michelotti (nel frattempo tutte e tre le bimbe si addormentano beatamente... sui seggiolini!) arriva il secondo avvertimento e la seconda sosta forzata sotto gli alberi. Si riparte ancora. Raggiungiamo la confluenza Dora-Po e proseguiamo verso San Mauro... ormai le mogli sono rassegnate e neanche più ci chiedono di tornare indietro nè tantomeno dove abbiamo intenzione di arrivare... ormai convinte 1) che la meta sia la Basilica di Superga, ben visibile, e 2) di un pernottamento di fortuna da qualche parte per stanotte, non riuscendo sicuramente a tornare indietro prima del buio. Siamo alle porte di San Mauro e una terza sosta per la pioggia, tra l'altro sempre più forte e minacciosa, ci convince finalmente a desistere e a tornare indietro. Fino ad adesso siamo riusciti a rimanere asciutti... ma per poco ancora. Infatti, pochi minuti dopo, in un tratto aperto... la prendiamo tutta e nuova sosta al primo albero disponibile. Ma smette di nuovo e addirittura esce il sole per cui con calma ritorniamo indietro lungo la sponda opposta del Po e ci fermiamo un paio di volte in due parchetti giochi per far giocare un po' le bimbe. Si riparte ma ormai a pochi chilometri da casa siamo costretti ad una vera sosta di fortuna sotto un porticato per evitare la fase più violenta del temporale. Ormai bagnati, ritorno a Borgaretto sotto una leggera pioggerellina e arrivo giusto in tempo prima della vera sfuriata serale... alla fine ci è ancora andata bene!
In conclusione, un bel giro, le bimbe si sono divertite tantissimo e noi... pure!

Data: 01 maggio 2007
Quota max: 247 m
Partenza da: Borgaretto (Beinasco)
Quota partenza: 243 m
Dislivello: 310 m
Zona: Torinese
Difficoltà: 47 km

22 Immagine(i), Inserita il 05/05/2007

Colle della Rognosa (30 aprile 2007)



Come già descritto da Enrico, oggi in programma c'era la salita della Rognosa di Sestriere per il canale nord... purtroppo il meteo non è stato dalla nostra parte, nonostante il peggioramento fosse previsto nel pomeriggio. Infatti arrivati a Sestriere verso le 5 e mezza del mattino, piove ed è tutto coperto. Siamo pronti ad infilarci in un bar per un caffè e a tornarcene a casa ma... Emilio no! ci siamo alzati presto, siamo venuti fin qui... decidiamo di accontentarlo (in cuor nostro siamo tutti convinti che al massimo arriviamo alla diga, vediamo la situazione e facciamo dietro front). Invece... velocemente risaliamo il vallone e addirittura sembra migliorare ed aprirsi... solo la cima resta avvolta dalle nubi... ma non si sa mai potrebbe anche accadere un miracolo... Purtroppo alla base del canale il tempo peggiora definitivamente, la visibilità è molto bassa, il canale è completamente nella nebbia e... nevica alla grande! Decidiamo di salire fino al colle poco sopra di noi... il pendio è abbastanza ripido e soprattutto per l'uscita sono necessari i ramponi. Siamo poco sopra la sommità del Monte Sotto Rognosa... mancherebbe veramente poco alla vetta... ma non si vede veramente niente. Un paio di foto e scendiamo subito. Ottima neve con qualche cm di fresca su fondo abbastanza duro, mentre nei pressi della diga... lasciamo perdere... e per concludere dalla diga a Sestriere... una bella lavata sotto la pioggia.
Con Enrico, Emilio e Paolo.

Data: 30 aprile 2007
Quota max: 3036 m
Partenza da: Sestriere
Quota partenza: 2035 m
Dislivello: 1123 m
Zona: Val Chisone
Difficoltà: BRA

24 Immagine(i), Inserita il 04/05/2007

Punta Zuccore - Testa di Comagna (29 aprile 2007)



Piacevole passeggiata in una bella giornata di sole con la compagnia di Enrico, Monica e la piccola Elisa. Partiti dal Colle Zuccore, a cavallo tra la Val d'Ayas e la bassa Val d'Aosta, risaliamo brevemente la traccia nel prato e poco dopo si incrocia il sentiero n°5 proveniente da Sommarese. Si segue il sentiero che con bel percorso, prima nel bosco, poi per pendii aperti e panoramici conduce fino alla sommità della Testa di Comagna sormontata da una croce in pietra. Per la discesa, si prosegue lungo il sentiero di cresta, dalla parte opposta di salita, fino ad un bivio; qui ci sono due possibilità: con il sentiero di dx si può scendere al Colle di Joux, quindi con una sterrata che contorna la montagna sul lato ovest si ritorna a Sommarese; oppure, come abbiamo fatto noi, con il sentiero di sx, si scende direttamente per il bosco raggiungendo le belle baite di Sommarese (qualche acrobazia per superare alcuni alberi sul sentiero). In ogni caso, da Sommarese, si percorre un breve tratto della strada per il Colle Tzecore, deviando poi sulla sx per il sentiero che taglia l'ultimo tornante e permette di ritornare al parcheggio.
Bel giro con bei panorami e naturalmente... consueta ottima compagnia.

Data: 29 aprile 2007
Quota max: 2106 m
Partenza da: Colle di Zuccore o Colle Tzecore - Sommarese
Quota partenza: 1607 m
Dislivello: 630 m
Zona: Bassa Val d'Aosta
Difficoltà: E

20 Immagine(i), Inserita il 04/05/2007

Santuario di Trana (28 aprile 2007)



Bella pedalata con la famiglia seguendo il tracciato della Ciclostrada della Bassa Val Sangone. Partiti di buon'ora da Borgaretto, sempre seguendo la bellissima ciclabile asfaltata che costeggia il torrente Sangone si toccano in successione Beinasco, Orbassano, Rivalta, Bruino quindi si raggiunge Sangano dove pranziamo in un bel parchetto giochi. Ancora un piccolo tratto sulla statale, quindi la breve salita che permette di raggiungere il piazzale del Santuario di Trana. Ritornati a Sangano, deviamo lungo la stradina sterrata che raggiunge Piossasco passando alla base del Monte S. Giorgio, quindi rientro a casa per stradine e sterrate tra i campi.

Data: 28 aprile 2007
Quota max: 410 m
Partenza da: Borgaretto (Beinasco)
Quota partenza: 243 m
Dislivello: 235 m
Zona: Bassa Val Sangone
Difficoltà: 43 km

13 Immagine(i), Inserita il 03/05/2007

Monte Vaccarezza - Cima dell'Angiolino - Punta Cialma (25 aprile 2007)



Veloce escursione mattutina in solitaria senza alcuna difficoltà. Lasciata l'auto nei pressi di Letisetto, risalgo la stradina sterrata chiusa al traffico (eccetto i residenti e gli aventi diritto... ma tanti, troppi, se ne sbattono e la percorrono lo stesso con auto e moto) e raggiungo lo spiazzo erboso nei pressi dell'alpeggio la Cialma. Qui inizia il sentiero, ben tracciato, che seguendo la cresta, raggiunge l'Alpe Vaccarezza inferiore e superiore, e con un ultimo tratto verso ovest, la sommità del Monte Vaccarezza o Castel Balanger. Peccato per il panorama abbastanza limitato dalle nubi. Curiosità: sulla sommità si trova una piccola madonnina posta in una cassetta metallica sistemata da qualcuno per grazia ricevuta.... poco distante e cementata sulla roccia (e si vede benissimo che è già la seconda volta che viene collocata in quanto rimossa precedentemente) una piccola teca con dentro una lettera firmata e ben protetta dalle intemperie che... esprime chiaramente il proprio dissenso a collocare sulle montagne questo tipo di ex-voto... lascio a voi ogni commento...
Pochi minuti e seguendo la cresta verso est raggiungo anche la sommità della Cima dell'Angiolino poco distante. Discesa diretta per il ripido pendio erboso portandomi sul sentiero che taglia il versante sud e in breve si ritorna all'Alpe Vaccarezza inferiore ed al percorso di salita. Ritornato sulla sterrata di accesso, una breve risalita sulla dx e in pochi minuti raggiungo anche l'ometto sulla sommità della Punta Cialma. Riprendo la sterrata e cercando di tagliare il più possibile i tornanti per qualche vaga traccia nel bosco, ritorno all'auto per le 11.30 circa.

Data: 25 aprile 2007
Quota max: 2203 m
Partenza da: Letisetto (Lanzo Torinese)
Quota partenza: 960 m
Dislivello: 1390 m
Zona: Valle del Tesso
Difficoltà: E

26 Immagine(i), Inserita il 26/04/2007

Monte Bassa (22 aprile 2007)



In realtà i progetti odierni erano tutt'altri, ma nonostante qualche difficoltà stamattina a partire, tentiamo lo stesso una passeggiatina in famiglia senza troppe pretese. Arriviamo tardi a Margone, pic-nic in un bel prato, quindi partiamo seguendo il sentiero n°118 per il Rif. Cibrario (primo tratto del Sentiero Italia). Poco sotto la sommità inizia una leggera pioggerellina... ci fermiamo un attimo al riparo per vedere se smette... manca poco e velocemente salgo con Giulia in groppa (che se la dorme della grossa ben al riparo nel suo zaino) fino sulla sommità. Due foto, un incontro con un bel rettile che per poco non calpesto e veloce discesa prima che inizi a piovere sul serio... tuoni in lontananza, ma anche stavolta lavata scampata.

Data: 22 aprile 2007
Quota max: 1838 m
Partenza da: Margone
Quota partenza: 1425 m
Dislivello: 435 m
Zona: Val di Viù
Difficoltà: E

18 Immagine(i), Inserita il 24/04/2007

Monte Calvo (21 aprile 2007)



Brevissima passeggiata, a due passi da Torino, dopo una mattinata di lavoro. Partenza da Truc di Brione, all'inizio della Val della Torre, quindi seguendo il bel sentiero costeggiato da numerose cappellette votive, si raggiunge velocemente la chiesetta posta sulla sommità del Monte Calvo. In discesa seguito il sentiero che scende in direzione ovest raggiungendo il colletto proprio sopra alle vecchie cave di magnesio ormai abbandonate. Il sentiero principale prosegue lungo la cresta in direzione del Musiné, mentre sulla dx si individua una traccia che scende nella valletta laterale. Ho poco tempo a disposizione e quindi scendo direttamente, ma come previsto, dopo breve percorso, la traccia si perde nella vegetazione... si arriva comunque nei pressi di una recinzione poco distante.... elettrificata! Costeggio la recinzione sulla dx (la corrente c'è davvero... il cellulare emette strani suoni dovuti al campo magnetico!) e per prati e rado bosco scendo alla meglio fino ad incrociare una carrareccia che in breve mi riporta sulla strada di fondovalle e alla ormai vicina macchina.

Data: 21 aprile 2007
Quota max: 550 m
Partenza da: Truc di Brione
Quota partenza: 352 m
Dislivello: 210 m
Zona: Val della Torre
Difficoltà: E

8 Immagine(i), Inserita il 24/04/2007

Pic Blanc du Galibier (15 aprile 2007)



Velocissima gitarella in solitaria nelle primissime ore della mattinata. Partito dal Ref. du Lautaret, sono salito per prati fino ad una quota di circa 2150 m, in corrispondenza dell'attraversamento del torrente, dove inizia la neve e la risalita del canalone a lieve pendenza che porta ad attraversare la strada per il Col du Galibier. Si prosegue quindi per il poco inclinato ed ampio vallone e superando alcuni dossi si punta al colletto est del Pic Blanc du Galibier, ben visibile. Un'ultima rampa di un centinaio di metri di dislivello un po' più ripida e si è in vetta... panorama spettacolare, oggi un po' limitato dalle nubi. Il tempo di qualche foto... e via in discesa prima che la neve molli troppo. Rapida discesa, incrociando molte persone che salivano e ritorno all'auto per le 10.00 circa... scelta sui tempi azzeccatissima (un po' voluta, un po' forzata) in quanto la neve è stata perfetta sia in salita che in discesa ma a metà mattinata iniziava già a mollare decisamente a causa delle temperature abbastanza alte... non oso pensare cosa hanno trovato quelli che sono partiti più tardi.

Data: 15 aprile 2007
Quota max: 2995 m
Partenza da: Refuge de Lautaret
Quota partenza: 1970 m
Dislivello: 1010 m
Zona: Val de la Guisane
Difficoltà: MR

34 Immagine(i), Inserita il 19/04/2007

651 albums in 66 pagina(e) 1 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 66

Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
26 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 26

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it