Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Album Foto > Album personali > tala 4632 immagini in 198 albums visti 425002 volte
Testa Bernarda 2534 m. e monti della Saxe 25/10/2208



Giornata autunnale stupenda davanti alla catena del Monte Bianco. Gita in compagnia di Beppe, Nino e Maurizio.

Data: 25/10/2008
Quota max: 2534
Partenza da: Villair
Quota partenza: 1329
Dislivello: 1205
Zona: Valdigne Val d'Aosta
Difficoltà: E

42 Immagine(i), Inserita il 31/10/2008

Quattro Denti di Chiomonte 2105 m. 19/10/2008



Gita di corsa ai Quattro Denti di Chiomonte partendo dalla frazione S.Antonio di Ramats. Stupendi i colori autunnali, ma tutto secco, il pertus della Ramats di colombano Romean, ha pochissima acqua. L'ho percorso per circa 100 metri poichè ero solo con i tennis e senza torcia.
Sabato gita alla Punta delle Serene in Val di Lanzo con partenza da Balme e sbagliando piu' volte il sentiero anche se segnalato bene. Ma non ho messo foto, sono venute un po' annebbiate!

Data: 19/10/2008
Quota max: 2105
Partenza da: Ramats - S.Antonio
Quota partenza: 1000
Dislivello: 1105
Zona: Val Susa
Difficoltà: E

22 Immagine(i), Inserita il 20/10/2008

Monte Gran Costa 2615 m. MTB - 12/10/2008



Dopo l'egitto mi mancavano troppo le mie montagne!
Cosi' inforco la mtb e si sale nel bellissimo gran bosco di salbeltrand fino al Gran Costa. Discesa sempre bella, e stavolta percorro il sentiero n.1, sempre ciclabile e divertente. Numerosi animali e una maestosa aquila.

Data: 12/10/2008
Quota max: 2615
Partenza da: Salbertrand
Quota partenza: 1024
Dislivello: 1591
Zona: Val Susa
Difficoltà: BCA

24 Immagine(i), Inserita il 16/10/2008

Monte Sinai o Gebel Musa 2285 m. 8/10/2008



Il Monte Sinai o Gebel Musa, la montagna di Mosè. Partiti da Sharm el Sheikh alle 23.30, iniziamo l'escursione verso le 3. Il nostro gruppo arriva per primo in vetta e attendiamo fiduciosi l'alba. Puntualissimo appare il sole alle 5.42. Tutte le montagne, rocciose e spoglie di vegetazione, appaiono rossastre, e creano scenari di una bellezza unica.

Altre foto del viaggio in egitto:
http://albytala.blogspot.com/

Data: 08/10/2008
Quota max: 2285
Partenza da: monastero santa caterina
Quota partenza: 1550
Dislivello: 735
Zona: Sinai Egitto
Difficoltà: T/E

Album Foto

11 Immagine(i), Inserita il 15/10/2008

Giro del colle clapier 2477 m. MTB 21/09/2008



Domenica sveglia alla solita ora, le 6.
Meta da definirsi, per prima cosa metto in aria tutte le cartine per vedere dove andare.
Voglio pedalare o andare a piedi, ma senza fare troppi km in auto.
Poi apro la finestra… Lo scazzo è d'obbligo!!! E mi rimetto a dormire.
Poi, siccome c'è da mettere a posto di qui, montare i mobili dell'IKEA di là, e altre cosette simpatiche di queste genere, decido di fuggire all'alba delle 11.
Carico la bike in auto e si va. La meta la stabilisco mentre vado, già un'idea ce l'avrei ma è troppo lunga vista l'ora tardissima (colle etiache - colle clapier ). Quindi decido di fare il giro del colle clapier con partenza da Susa che comunque è già un bel tiro!

Si parte quasi a mezzogiorno da Susa alla volta del colle del moncenisio. In 2 ore sono sulla diga. Il tempo: prima nuvoloso, poi nebbia, ma al moncenisio finalmente un po' di sole!
Sosta necessaria (almeno per uno come me) per rifornimento carburante (mega panino di prosciutto e berna, sali, torta etc…). Perfetto ora sono carico! Orario ? Tardi, ma faccio due conti e dovrei starci dentro… devo!
Freddo , vento contro e arrivo al colle del piccolo moncenisio dove sono di nuovo in riserva… Mangio di nuovo un altro mega panino, sali, quello che resta della torta etc… e via: non c'è piu' tempo da perdere! Tutto ok , riesco a fare la salita del lago savine e colle clapier con una buona andatura ( anche perché ormai è rimasta solo una banana, che la voglio consumare per la discesa, che comunque richiede concentrazione). L'arrivo al lago delle Savine è bellissimo ma non mi fermo molto perché ormai è tutto in ombra. Giunti al colle clapier il panorama è bellissimo, specie sul mare di nebbie in bassa valle.
Poco prima del colle c'è il bivio per il rifugio Avanzà attraverso il colle dei Trinceramenti a quota 2886.
Sono fortemente tentato, il percorso mi è stato suggerito da 'arbei', ma ci vuole ancora 1 ora di salita, e in discesa, sul versante opposto, ci sarebbe sicuramente neve.
Quindi non mi resta che fiondarmi sulla bella discesa verso la Val clarea tuffandomi, prima o poi, nelle nebbie! La mulattiera, ciclabile attorno al 70%, attraversa degli ambienti molto belli, selvaggi dove regna la solitudine.
Bisogna porre attenzione ad alcuni passaggi un po' esposti e all'attraversamento di qualche frana nei pressi di ruscelli, ma tuttavia il sentiero non risulta mai troppo difficile. La nebbia, le numerose frane, i pendii così scoscesi, il sentiero, che si vede che non è frequentatissimo, creano un bellissimo senso di isolamento. Verso le 18 arrivo sul fondo della val clarea, dove finalmente c'è una sterrata. E qui che bisogna fare attenzione: la sterrata è invasa da pietroni instabili e per superarli occorre una andatura veloce: vietato cadere! Poco dopo giungo sull'asfalto, una breve risalita all'interno di una galleria scavata nella roccia e poi giu' fino a Susa, dove arrivo le 18.45… giusto in tempo!


Data: 21/09/2008
Quota max: 2477
Partenza da: Susa
Quota partenza: 503
Dislivello: 2100
Zona: Val Susa Moncenisio
Difficoltà: BCA

19 Immagine(i), Inserita il 22/09/2008

Giro della Ciantiplagna 2849 m. 7/09/2008 MTB



Un giro lungo ma vicino a torino... L'idea è stata 'rubata' da Emilio, che anche lui domenica saliva la Ciantiplagna, ma dal Frais. Perchè non sono andato con lui? Me lo sono chiesto anch'io, ma la verità è che volevo proprio pedalare da solo.
E cosi' è stato.
Bellissimo, una lunga salita da 26,5 Km da Susa con un dislivello di quasi 2400 metri.Pendenze mai eccessive, anzi, sicuramente la salita è piu' ripida dal Frais passando dal Gran Serin. Quest'ultimo tratto l'ho percorso in discesa, completando l' anello. Arrivato in cima, alcune persone mi hanno detto che circa 20 minutifa, un biker ha iniziato la discesa e ha chiesto di me...sicuramente Emilio, ma non ci siamo incrociati!

Data: 7/09/2008
Quota max: 2849
Partenza da: Susa
Quota partenza: 503
Dislivello: 2346
Zona: Val di Susa
Difficoltà: BC

17 Immagine(i), Inserita il 10/09/2008

Giro del Rocciamelone 3538 m. 24/08/2008



Sabato sera: domani devo fare qualcosa... ma cosa? Il Rocciamelone! Deciso. Ma da dove: Foresto o Malciaussia, ero molto indeciso...
Domenica: Sveglia alle 3.00 e vado a ...Malciaussia, decisione presa! Non chiamo nessuno, Andrea81 è in ferie, Cristiano forse lavora, ed Enrico farà qualcosa di estremo, come la traversata dei Lyskamm.
Inizio cosi' la salita, nel cuore della notte, e subito prendo il bel sentiero che porta ad una bellissima cascata. Niente foto (è buio pesto), e il sentiero finisce qui. Quindi torno indietro e finalmente trovo il ponticello di pietra che attraversa il torrente e che porta al Tazzetti.
Molto suggestiva l'alba con bellissimi colori.
Dopo aver attraversato il fragoroso torrente, arrivare al rifugio Tazzetti immerso nel silenzio, è strano, ed è anche strano il nome del posto: Fons d'Rumur, sembra quasi una contraddizione!
Qui faccio colazione, e poi salgo verso il colle della Resta, mettendo piede sul ghiacciaio del Rocciamelone. Panorami spettacolari!
Ultimo strappo molto ripido e sono in vetta (con la neve non dovrebbe essere molto simpatico...) dove ci sono un centinaio di persone!
Foto spaziali e poi incontro Enrico salito da Foresto! Grande! Io non ho avuto il coraggio di affrontare l'altra decisione!
Scendiamo insieme fino al Cà d'asti, ci raccontiamo le nostre avventure e disavventure e poi ci dividiamo.
La traversata fino al Colle della Croce di Ferro è lunga, e nei pressi del passo della Capra ci sono dei passaggi un po' esposti, specie nell'attraversamento di un ripido ruscello, che puo' essere pericoloso nelle stagioni fredde. Si risale sulla dorsale del Palon, e da qui in circa 30 min. si è alla Croce di Ferro dove c'è la capanna sociale Ravetto. Da qui discesa su una comoda mulattiera militare verso Malciaussia, percorsa da due tedeschi in mtb!

Data: 24/08/2008
Quota max: 3538
Partenza da: Malciaussia
Quota partenza: 1805
Dislivello: 1900
Zona: Val di Viu' - Val Susa
Difficoltà: E

62 Immagine(i), Inserita il 26/08/2008

Colle del Sommellier 3000 m. 16/08/2008 MTB



Da Bardonecchia, in auto si arriva fino ai Bacini, ora la strada, dopo le Gleise, è tutta asfaltata!
Poi si percorre la bella decauville e si arriva alla diga del lago di Rochemolles. Da qui si continua a pedalare e si arriva allo Scarfiotti e infine al colle del Sommellier. Sabato la strada è chiusa al traffico dopo lo scarfiotti, ed è quasi un biliardo!

Data: 16/08/2008
Quota max: 3000
Partenza da: Frejusia - Bacini
Quota partenza: 1905
Dislivello: 1095
Zona: Valle Susa
Difficoltà: BC

19 Immagine(i), Inserita il 21/08/2008

Chaberton 3130 m. 14/08/2008 MTB



La strada è semplicemente strepitosa! Hanno proseguito con i lavori e si pedala su fondo ottimo fino al pian dei morti, dopo roccia tagliata. Le pendenze, pero', quelle restano!Solo i tornantini sotto il colle dello chaberton non sono ciclabili. Dal colle in vetta è tutto ciclabile, tranne in corrispondenza di un tornante subito dopo il baraccamento e un tratto sul penultimo tornante. Discesa verso Claviere: i tratti da portare la bici al fianco sono un po' meno, e anche dove non si cicla il sentiero è sempre ben pulito.

Data: 14/08/2008
Quota max: 3130
Partenza da: Oulx
Quota partenza: 1066
Dislivello: 2064
Zona: Val di Susa
Difficoltà: OCA

12 Immagine(i), Inserita il 20/08/2008

Rifugio Aosta - Dent Herens 4171 m. 9-10/08/2008



Grandiosa gita nella isolata Valpelline. Io pero' ho deciso di rinunciare alla salita e sono rimasto al rifugio.
Maurizio, invece, si è aggiudicato il bellissimo 4000, per la cresta Tieffmatthen.
Questa cresta ha dei passaggi di II e III e molto esposti. Per arrivare all'attacco si deve superare un ghiacciaio molto crepacciato e si accede alla cresta
per un colletto ripido tra rocce instabili dove pero' sono presenti dei canaponi. La via è in ottime condizioni ed è la via piu' seguita, in quanto la
normale è molto pericolosa per il terreno infido e per caduta massi.
Inserisco comunque anche le foto di Maurizio che rendono meglio l'idea delle condizioni della salita e dei superbi panorami e ambienti che si attraversano.
Gita molto lunga: arrivare al rifugio Aosta 2780 m. impegna per quasi 4 ore, con notevole spostamento. Il giorno successivo la salita impegna per circa
cinque ore, in alta quota, e con passaggi assolutamente non banali!


Data: 9-10/08/2008
Quota max: 4171
Partenza da: Diga lago Place Moulin
Quota partenza: 2100
Dislivello: 2071
Zona: Valpelline (Valle d'Aosta)
Difficoltà: AD-

68 Immagine(i), Inserita il 11/08/2008

198 albums in 20 pagina(e) 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 20

Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
28 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 28

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it