Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Racchette da neve :  Bivacco Angelo Valmaggia
Autore: CompagniadellAnello (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 16/02/19 17:58
Notizia riferita al: 13/02/19
Letture: 297
Racchette da neve

Causa le previsioni di vento forte in alta quota, la Compagnia dell’Anello, a ranghi sempre più ridotti (domani è San Valentino e bisogna essere in forma), rinuncia ad effettuare un anello e si prefigge di raggiungere il Bivacco Valmaggia partendo da Chialvetta, la borgata principale del vallone di Unerzio, che si raggiunge con la deviazione a sinistra all’ingresso di Acceglio, verso il Gheit .
Lasciata l’auto nell’ampio parcheggio prima del ponte (1475 m), attraversiamo la borgata ed inforchiamo le ciastre davanti alla chiesa. Proseguiamo sul sentiero ben battuto lungo il ruscello verso Pratorotondo (1624 m), paese natale del famoso pittore Matteo Olivero e del fotografo Bruno Rosano, dove raggiungiamo un gruppo di sciatori tedeschi diretti alla Gardetta.
Superata la borgata passando tra le case, con la fontana, la cappella, il forno e caratteristici passaggi coperti, proseguiamo verso Viviere sempre sullo stesso sentiero, con panettoni di neve intonsa che regalano angoli invernali bellissimi. Raggiunte le case di Viviere (1708 m) pieghiamo a destra e subito dopo prendiamo il sentiero a sinistra che entra dentro il bosco di larici fino a raggiungere la strada che porta verso Pratociorliero.
Seguiamo la strada per breve tratto, fino all’imbocco del sentiero verso il Colle del Feuillas ed il Bivacco Valmaggia. Continuiamo a salire su sentiero ben battuto da precedenti escursionisti fino a raggiungere le Grange Gorra (1905 m) in un magnifico pianoro assolato con vista splendida sui monti che ci circondano con in fondo l’Oronaye.
La pista però è in parte ricoperta da neve riportata dal vento dei giorni scorsi e sotto le ciastre incominciano a formarsi le “mute” che appesantiscono il cammino.
Proseguiamo in questo paesaggio invernale fantastico fino a raggiungere il bivio marcato da cartelli quasi sepolti dalla neve, tra il Colletto e il Colle del Feuillas a sinistra. Proseguiamo verso il Colle e spostandoci sulla destra del vallone affrontiamo un lungo e faticoso traverso in alto su neve appesantita, in parte su slavine recenti, fino a raggiungere il bivio tra il Colle di Enchiausa e il Colle del Feuillas.
Qui il vento dei giorni scorsi ha spazzato quasi del tutto la neve dalla cresta e ricoperto di neve farinosa la traccia verso il Bivacco Valmaggia che poco dopo scorgiamo in alto a sinistra. Affrontiamo l’ultimo tratto sprofondando nella neve farinosa, tenendoci dapprima in alto sulla destra del vallone per poi puntare diritti verso il bivacco che raggiungiamo dopo un faticoso ultimo tratto in ripida salita.
La soddisfazione è grande e, messe fuori due panche, ci rifocilliamo al calore del sole di mezzogiorno, nell’assoluto silenzio, immersi in questo spettacolo fantastico delle montagne piene di neve, ai piedi di quella magnifica guglia di roccia che è il Bric Mouliniere.
Dopo le foto di rito e recuperate le forze scendiamo nella neve intonsa fino alla cresta di prima e ripercorrendo il traverso sulle nostre tracce, raggiungiamo il sentiero percorso in salita ormai in ombra, con la neve che, nuovamente gelata, non appesantisce le ciastre. Dopo una tappa a Viviere per rinfrescarci alla fontana, accompagnati dalle ombre sulla neve, raggiungiamo Chialvetta e dopo 15 chilometri sfiliamo la ciastre, non prima di aver fatto quattro chiacchiere con un’amica di Angelo al ritorno di una gita con gli sci... beata gioventù!

Note toponomastiche
Chialvetta: (dal provenzale clevos - cleivetta) designa un luogo su pendio soleggiato, ma chiuso tra la cerchia dei monti.
Pratorotondo: (dal latino pratum) luogo prativo, in questo caso di forma rotondeggiante
Viviere: il nome della borgata corrisponde alla forma cognominale Viviàni
Gorra (grange): voce italianizzata dal provenzale goùrro (di derivazione dal tardo latino gurra), etimologicamente connessa con luoghi dove cresce il salicone (salix caprea), pianta di cui sono particolarmente ghiotte le capre.
Angelo Valmaggia (bivacco): Inaugurato l'8 settembre 2013, sorge nel vallone di Enchiausa ed è di proprietà della Giovane Montagna Sezione di Cuneo, del C.A.I. sottosezione di Dronero e del Comune di Acceglio. E' intitolato all'ing. Angelo Valmaggia, che ha avuto un ruolo rilevante nella vita civile di Cuneo e Provincia ed è stato figura di primo piano all'interno della Giovane Montagna, avendo contribuito a rifondare nel 1946 la sezione di Cuneo ed avendo successivamente retto per oltre un ventennio (dal 1960 al 1986) le sorti della sezione medesima.

Escursione effettuata il 13 Febbraio 2019
Compagnia dell'Anello composta da: Angelo, Franco e Josè.
Località di partenza: Chialvetta 1475 m
Punto più elevato raggiunto: Bivacco Valmaggia 2335 m
Dislivello cumulato in ascesa: 883 m
Sviluppo complessivo del percorso: 15,1 km
Tempo in movimento: ore 5h 50'
Difficoltà: EE (vedi scala difficoltà)

Tracciato gps
fotocronaca


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
klaus
Inviato: 16/2/2019 19:05  Aggiornato: 16/2/2019 19:05
Guru
Iscritto: 14/2/2010
Da: Magliano Alpi
Inviati: 654
 Re: Bivacco Angelo Valmaggia
Non per farmi gli affari vostri ma la guglia molto estetica che si vede dal bivacco è solo una quota non nominata mantre il bric mouliniere è il panettone facilmente salibile alle spalle del bivacco guardando verso il colle Feuillas...
Comunque è un peccato veniale, prima di salirlo mi ero sbagliato anche io.
Ciao a tutta la compagnia, spero di rivedervi prima o poi in giro per monti.

Autore Commento
CompagniadellAnello
Inviato: 20/2/2019 2:24  Aggiornato: 20/2/2019 2:24
Guru
Iscritto: 27/12/2015
Da:
Inviati: 298
 Re: Bivacco Angelo Valmaggia
Ciao Klaus
hai ragione, grazie, lo riferirò a chi l'ha battezzata malamente...però è troppo bella per lasciarla senza nome!
A presto!
Adriano

Autore Commento
CompagniadellAnello
Inviato: 16/2/2019 18:47  Aggiornato: 16/2/2019 18:47
Guru
Iscritto: 27/12/2015
Da:
Inviati: 298
 Re: Bivacco Angelo Valmaggia
Descrizione del percorso: José
Fotocronaca: Angelo e José
Tracccia GPS: Angelo
Grafica e coordinamento redazionale: Adriano
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
54 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 54

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it