Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Racchette da neve : Anello delle Borgate della Val Pesio, da Fiolera
Autore: CompagniadellAnello (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 01/02/19 21:48
Notizia riferita al: 31/01/19
Letture: 330
Racchette da neve

La Compagnia dell'Anello, come primo approccio dell'annata con le racchette da neve, sceglie un piacevole e facile itinerario di bassa quota che si sviluppa tra prati, boschi e bei poggi panoramici. Un breve viaggio di immaginazione di quando questi luoghi e queste belle borgate erano vissuti e curati.
Partiamo dalla frazione Fiolera (a monte della frazione Vigna) di Chiusa Pesio dove, nella piazzetta di fronte alla chiesa dedicata a San Lorenzo, c'è la possibilità di parcheggio e una bella fontana.
Per le escursioni estive, le carte danno la possibilità, dalla piazzetta, d'imboccare verso sinistra il “vecchio sentiero di Figin” che conduce direttamente alla borgata Fuggin.
Noi, non conoscendo il posto, abbiamo preferito seguire la strada asfaltata che affianca la chiesa svoltando dopo poche decine di metri a sinistra (palina civica indicante Monfort e palina escursionistica per Via delle Borgate e borgata Fuggin), transitando presso la borgata Manassero e imboccando in salita, al termine dell'asfalto, la carrareccia a sinistra, sgombra di neve, in direzione della borgata Fuggin.
Raggiunta tale borgata, per continuare, abbiamo dovuto inforcare le racchette da neve percorrendo il bel sentiero in leggera salita tra prati e castagneti da frutto che conduce alla cappella dell’Olocco sulla displuviale con il vallone di Lurisia, crocevia della carrozzabile che arriva da Vigna e dei sentieri provenienti dal Mortè e da Lurisia.
Dalla cappella abbiamo seguito in salita la strada verso Gias Mascarone per circa 1,6 km attraverso bei boschi di betulle e faggio fino all’indicazione sulla destra per borgata Baudinet. In questo punto, a quota 1200m, si raggiunge la “cima Coppi”, cioè il punto più elevato dell'odierna escursione.
Abbiamo quindi imboccato il sentiero che a mezza costa, con alcuni saliscendi, attraversa una splendida faggeta per scendere infine raggiungere il bel poggio panoramico di Baudinet, da cui si può godere una splendida vista sull'altra faccia (rispetto a quella che si vede da Cuneo) del monte Bisalta e (foschia permettendo) sulla pianura cuneese.
Proseguiamo in discesa lungo la cresta fino al secondo gruppo di ruderi che si presta magnificamente, nonostante la temperatura da giorni della “merla”, per la sosta pranzo e per le riflessioni, di cui di diceva in premessa, circa il vissuto di questi luoghi, ora completamente abbandonati e diroccati.
Continuiamo la discesa sulla carrareccia dove, presso il primo tornante, troviamo, sulla sinistra, la palina che permetterebbe di chiudere il nostro anello passando per la borgata Colletto e successivamente per la borgata Truna.
Riteniamo però, visto anche il meteo che si sta degradando, di rinunciare, per questa volta, a tale variante, continuando invece la discesa nel vallone dei Mauri sulla carrareccia fino all'attraversamento del rio, oltre il quale imbocchiamo, sulla destra, il sentiero verso le borgate Mauri, Rumanin e Castello: la prima completamente in rovina, le altre due disabitate, ma non abbandonate.
Di qui in breve raggiungiamo la borgata Manasseri dalla quale, con un “dritto” sulla neve, approdiamo direttamente alla sottostante frazione Fiolere ove chiudiamo questo gradevole anello.
Note Toponomastiche
La parlata della val Pesio è caratterizzata dalla forte piemontesizzazione dell’antico dialetto provenzale, favorita dalla presenza della Certosa, con sicura influenza anche sulla toponomastica della bassa valle in modo particolare.
Olocco (Pilone dell’): deriva dal piem. uluch, allocco, il più comune dei rapaci notturni nei boschi della zona.
Costa Serra Lunga: costone elevato ed allungato, qui definito da 2 sostantivi di identico significato.
Borgata Manassero/i, Mauri: toponimi derivanti dal cognome dei proprietari.
Bgt. Baudinet, Romanin: toponimi derivanti dal diminutivo del nome dei proprietari (Baudino, Romano).
Bgt. Castelli: toponimo derivante dalla presenza in passato di fortilizi o castellari nella zona.

Escursione effettuata il 31 Gennaio 2019
Compagnia dell'Anello formata per l'occasione da: Adriano, Alberto, Franco, Gianni, José e Osvaldo
Località di partenza: frazione Fiolera di Chiusa Pesio 774m
Punto più elevato raggiunto: Costa Serra Lunga 1201m
Dislivello cumulato in ascesa: 501m
Sviluppo totale del percorso: 8,3 km
Tempo in movimento: 2h 45'
Difficoltà: E (vedi scala difficoltà)

fotocronaca
Tracciato gps
mappa satellitare Wikiloc


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
CompagniadellAnello
Inviato: 4/2/2019 18:54  Aggiornato: 4/2/2019 18:54
Guru
Iscritto: 27/12/2015
Da:
Inviati: 290
 Re: Anello delle Borgate della Val Pesio, da Fiolera
Descrizione del percorso: Adriano
Note Toponomastiche: Gianni
Fotocronaca e tracciato GPS: Adriano
Grafica e coordinamento redazionale: Adriano
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
38 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 38

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it