Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

MTB : Giro dei borghi della Val Merula in MTB
Autore: CompagniadellAnello (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 05/10/18 20:54
Notizia riferita al: 29/09/18
Letture: 249

In riviera, in una giornata in cui l'estate non vuole cedere il passo all'autunno, non c'è nulla di meglio che un bel giro sulle colline dell'entroterra ligure esplorando i borghi della vallata ai lati del torrente Merula, dalla foce di Marina di Andora fino alla sorgente nei pressi di Testico.
La nostra base logistica è il camping di Capo Mimosa dove, già per arrivare dal camper all'uscita sull'Aurelia, bisogna fare 50 metri di dislivello al 20 per cento di pendenza... tanto per rompere il fiato!
Il vantaggio è che fatti pochi metri sull'Aurelia in direzione di Andora si trova subito sulla sinistra il bivio per Rollo, una bella stradina, praticamente senza traffico, che sale con pendenza accettabile tra il verde della macchia mediterranea, fino all'abitato di Rollo abbarbicato al versante orientale del Colle di Cervo. Notevoli, tra le distese di ulivi, gli sprazzi panoramici sul blu profondo del mare di Andora.
Scendiamo ora verso Andora su strada con pendenze ben più sostenute che ci convinceranno, per il ritorno, a non ripetere questo tratto di percorso, ma ad affrontare il “fastidio” di due Km sull'Aurelia.
Ad Andora evitiamo le strade più trafficate transitando su via Carminati lungo la vecchia ferrovia per passare poi su Via Merula (Sp13) che sottopassa la nuova ferrovia e prosegue tra serre e orti (ormai a monocoltura di basilico) verso la moderna e bella frazione di Molino Nuovo.
Attraversato il torrente Merula - che, per inciso, fino a qualche tempo fa, veniva considerato il confine tra la diffusione di due tipiche cultivar liguri di olivo; la Taggiasca, coltivata ad est del torrente, e la Colombara, che era nota per fornire un olio più grossolano e veniva coltivata ad ovest del corso d'acqua - proseguiamo nella vallata, sempre tra estese coltivazioni di basilico, attraversando San Bartolomeo, Bossaneto e San Lorenzo passato il quale imbocchiamo la stradina sulla destra verso Villalunga.
Saliamo tra il verde argenteo degli ulivi, superando questa frazione facente parte del comune di Stellanello, fino alla cappella di San Bernardo (450m) ove s'incrocia la strada provinciale che arriva da Alassio.
Andando verso sinistra in breve arriviamo alla frazione di San Damiano ove facciamo una deviazione fino allo spiazzo antistante il santuario dei SS Cosma e Damiano che svetta sulla sinistra orografica della vallata dopodiché, proseguendo in dolci saliscendi arriviamo a Testico concedendoci una sosta ristoratrice a base di gnocchi al pesto e coniglio alla ligure presso l'Osteria du Bacan.
Ripreso il percorso iniziamo a scendere sulla provinciale verso Andora fino al primo tornante dove svoltiamo a destra in direzione delle località Duranti e Costa.
Dopo 500 metri troviamo sulla destra una pista, sbarrata con una catena, recante l'indicazione per il Santuario La Madonnetta.
I primi metri di questa sterrata sono abbastanza impegnativi, ma subito dopo diventa un piacevole saliscendi nel bosco, con ottimo fondo, che in breve conduce alla Madonnetta cioè al Santuario della Madonna di Loreto della località Duranti di Stellanello, edificio religioso che riveste particolare interesse per un gruppo ligneo raffigurante la Madonna e Santa Elisabetta, scolpito dal Garaventa nel 1700.
Davanti all'edificio religioso merita ammirare la magnifica quercia o roverella (Quercus pubescens) tutelata quale albero monumentale.
Scendendo riprendiamo ancora una sterrata sulla destra che ci porta fino alla località Castello passando presso l'imponente cappella del cimitero, dopodiché torniamo sull'asfalto per andare più in basso a chiudere questo gradevole anello pedalato sulla testata della Val Merula e ritornare quindi alla nostra base logistica di Capo Mimosa.

Escursione effettuata il 29 settembre 2018 da Adriano e Maria Teresa
Località di partenza: Capo Mimosa di Cervo Ligure 10m
Dislivello cumulato in ascesa: 834m
Sviluppo complessivo del percorso: 46,1 km (di cui 4,5 km in sterrato)
Difficoltà: TC/TC (vedi scala difficoltà)

fotocronaca
Tracciato gps
mappa satellitare Wikiloc


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
41 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 41

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it