Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Escursionismo : Anello dei Monti della Garbella e Pianard, da Palanfré
Autore: CompagniadellAnello (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 10/09/18 00:29
Notizia riferita al: 06/09/18
Letture: 369

La meta e la tempistica della gita di oggi sono dettate dalle condizioni metereologiche che prevedono pioggia alle ore 14, per cui scegliamo di salire al Monte Garbella in Val Vermenagna, cima sullo spartiacque tra il Vallone del Bousset (Gesso) e Vallon Grande (Vermenagna) a sud-ovest della borgata di Palanfrè.
Parcheggiamo la macchina sull’ampio parcheggio all’ingresso di Palanfrè (1379 m) e attraversiamo il borgo godendo della bellezza con cui sono curate le case, l’abbeveratoio con una bellissima testa di mucca scolpita nel legno, i fiori alle case, nei giardini e nel caseificio, un angolo di Trentino nelle nostre valli.
Attraversato il borgo, dopo circa 200 metri, imbocchiamo a destra la carrareccia che porta al Gias Garbella e per scorciatoie raggiungiamo il primo bivio ( 1590 m) che a sinistra porta al Gias del Chiot e alla Costa Colombo mentre a destra si dirige verso la Val Garbella e l’omonimo colle.
Poco dopo siamo in vista del Gias Garbella che lasciamo sulla destra mentre il sentiero GTA prosegue in direzione sud-ovest e comincia a risalire a zig-zag una zona erbosa mista a piccoli arbusti e roccette, puntando verso i bastioni del Monte della Garbella. Purtroppo le nebbie in alto ci coprono le cime e non possiamo scorgere la nostra meta.
Superata una piccola balza, procediamo in ripida salita verso una seconda dove troviamo un nuovo cartello segnaletico per il Colle Garbella e dove le nebbie si diradano e riusciamo ad intravedere in parte le cime del versante opposto, i monti Aiera e Steira con la balconata che prosegue verso sud ovest fino alla Punta della Rua.
Continuiamo a salire su un crinale erboso e raggiungiamo la dorsale tra le valli Gesso e Vermenagna. Quando il sentiero fa un leggero tornante verso destra intravediamo a sinistra una traccia, segnalata da una freccia rossa su un masso in basso, che ci indirizza verso la nostra meta.
La traccia prosegue in mezzo all’erba e con un lungo traverso ci portiamo sotto la balconata della cima, dove inizia un sentierino un po’ esposto che percorriamo fino ad un colletto dove si piega verso destra (tacca rossa) e di lì, percorrendo una breve crestina rocciosa, raggiungiamo la cima (2306 m).
Purtroppo la nebbia copre le cime della Val Vermenagna mentre ci permette di vedere il lungo Vallone del Sabbione e dell’Ischietto con a tratti alcune cime, fino al Carbonè.
A questo punto ridiscendiamo al colletto e cerchiamo un passaggio per raggiungere il colle Colombo da cui risalire l’omonima cima, ma fatti vari tentativi, vista la nebbia che ci impedisce di scorgere una via percorribile in sicurezza, decidiamo di ripercorrere la traccia utilizzata in salita e raggiungere il Colle Garbella.
La discesa, vista la presenza di erba bagnata e pietrisco friabile, richiede molta attenzione per evitare pericolosi scivoloni nella parte più esposta e che fa, una volta tanto, preferire le Cozie alle Marittime, (vero Antonio?).
Raggiunta nuovamente la dorsale, proseguiamo sul crinale erboso superando una serie di dossi e immaginandoci lo spettacolo in una giornata di sole.
Raggiungiamo così il Colle della Garbella (2170 m) dove compare il sole che ci invita a proseguire fino alla cima Pianard (2306 m) sulla quale è posta una piccola croce occitana.
Dalla cima scendiamo al colletto e di qui nel vallone su scoscesi pendii pascolivi fino al Gias Pianard (1943 m) da dove continuiamo a scendere verso il Gias Garbella che, causa la nebbia, raggiungiamo seguendo tracce lasciate dagli animali e poi finalmente attraverso un sentiero fino ad incrociare la strada sterrata che ci porta a Palanfrè, dove ci godiamo un pasto veloce al riparo del porticato vicino alla chiesa, in tempo per evitare l’arrivo puntuale, ore 13,30, della prevista pioggia.

Escursione effettuata il 6 Settembre 2018
Compagnia dell'Anello formata da: Adriano, Angelo, Antonio, Franco e Josè
Località di partenza: Palanfrè (1379 m)
Punto più elevato raggiunto: Monte Garbella (2306 m) e Monte Pianard (2306 m)
Dislivello cumulato in ascesa: 1168 m
Sviluppo complessivo del percorso: 13,3 km
Tempo in movimento: 4h 40'
Difficoltà: EE (vedi scala delle difficoltà)

fotocronaca
...altre foto
Tracciato gps
mappa satellitare Wikiloc


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
CompagniadellAnello
Inviato: 10/9/2018 0:37  Aggiornato: 10/9/2018 0:37
Guru
Iscritto: 27/12/2015
Da:
Inviati: 268
 Re: Anello dei Monti della Garbella e Pianard, da Palanfré
Descrizione del percorso: José
Fotocronaca: Angelo
Altre foto: Adriano e José
Tracciato GPS, mappa satellitare Wikiloc e coordinamento redazionale: Adriano
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
31 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 31

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it