Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Escursionismo : Un anello sui monti di Inverso Pinasca
Autore: Beppe46 (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 15/04/17 14:16
Notizia riferita al: 13/04/17
Letture: 165

Un anello sui monti di Inverso Pinasca

Località di partenza: Borgata Clot mt. 623
Dislivello complessivo: 480 mt.
Tempo complessivo: 4 ore c.ca
Difficoltà: E
Riferimenti: Carta dei sentieri e stradale 1:25.000 n° 5 Val Germanasca – Val Chisone Fraternali Editore

Se il soleggiato versante all’Indiritto, in bassa val Chisone, presenta pendii dolci e ameni costellati di piccoli insediamenti al centro delle macchie delle praterie, quelli all’Inverso, rocciosi, aspri e dirupati, ricchi perciò di boschi, sono oggi sfruttati intensamente solo per l’esbosco. Il “Sentiero di valle”, un lungo stradello quasi pianeggiante collega tra loro le piccole borgate appena più su del fondovalle da cui si dipartono le piste forestali che salendo e traversando permettono di accedere anche a luoghi più remoti.
Partendo da una di queste, da Clot di Inverso Pinasca, una traccia sale da prima ad alcuni piccoli insediamenti montani, un tempo fortemente abitati, tutti raggiunti oggi dalla strada. Oltre il più elevato, Clos Beiran, privo però di residenti, una interminabile ma piacevole pista forestale, inizialmente salendo a svolte, poi lungamente traversando, scende infine a valle da dove si torna al punto di partenza, a Clot percorrendo un lungo tratto del pianeggiante e piacevolissimo sentiero di valle.
Se si escludono i tratti ascendenti, mai ripidi e faticosi avendo queste piste forestali una pendenza poco accentuata, questo itinerario può considerarsi una piacevole passeggiata nei boschi di faggi che ricoprono questi poco soleggiati aspri pendii. Di più, per come è configurato, alcune varianti, sempre rimanendo su piste forestali, permettono a piacimento di allungare o abbreviare il percorso.

Percorsa la superstrada della val Chisone, giunti alla rotonda dei monoliti e trascurate le uscite per Pinasca e l’alta valle, si esce alla terza per le borgate di Inverso Pinasca, Prali subito raggiungendo l’indicazione per Clot e altri abitati dove si prende a sinistra la strada che subito restringendosi sale ripida e con un paio di svolte ed un lungo rettilineo termina a questa borgata dove si può lasciare l’auto nell’ampio parcheggio presso la chiesa.
Preso lo stradello che s’inoltra verso monte passando tra le case, superata la fontana e poi il bivio per Peirot, località dalla quale si tornerà, più su, alla sommità dello sterrato, si stacca sulla destra, priva di indicazioni e segnature, la traccia che sale a Serre. Costeggiando da una parte ripidi prati e poi il bosco, dall’altra le vigne, fatta la svolta si risale il viottolo inerbito a margine del muretto come suggerito da una freccia rossa. Al termine dell’erto pendio si raggiungono le case di Serre, che si attraversano, sino allo slargo dove giunge la strada da fondovalle. Ancora trascurata l’indicazione MTB sulla sinistra che porta a Peirot, si procede sulla strada prendendo, di poco più avanti, la pista forestale che s’inoltra verso monte e, superata la presa dell’acquedotto, alla prima svolta la si lascia per il sentiero che subito attraversando il rio su un ponticello di tronchetti sale nel bosco. Traversando, con due lunghe diagonali ascendenti a cui seguono delle ravvicinate svolte, sempre in ripida ascesa, si giunge ai terrazzamenti sottostanti e poi alle prime case di Combaviola, che si attraversano salendo. Oltre il pannello che ricorda che qui sorgeva una scuoletta Beckwith, di sopra si esce sulla strada che sale da fondovalle esattamente nel punto in cui si trova un palo dell’illuminazione.
1 ora c.ca dalla borgata Clot.
Preso lo stradello verso monte, che subito diventa sterrato, al primo bivio, volendolo, si può proseguire diritti per la non lontana borgata di Girbaut, quasi tutta un rudere, ma posta in un’amena e panoramica posizione, dove prospera un anziano nocciolo addossato al muro di una casa. Si va percorrendo un piacevole stradello pianeggiante e si torna al bivio in una mezz’oretta aggiuntiva: merita. Altrimenti qui inizia la pista forestale, già da tempo tracciata e sempre in discrete condizioni, che lungamente occuperà gran parte di questo itinerario. Presa verso monte, alla seconda svolta che segue si prende a sinistra passando quasi subito sotto un ultimo insediamento, Clos Beiran, che volendolo si può visitare facendo una piccola deviazione. Con un lungo tratto quasi pianeggiante ci si porta poi all’alveo di due ravvicinati rii, che si attraversano, superati che si hanno iniziano i tre lunghi traversi ascendenti, mai ripidi e pertanto poco faticosi, a cui seguono due ravvicinate svolte, che portano la traccia presso un panoramico poggio, oltre il quale si prosegue per un tratto quasi in piano, o scendendo di poco, attraversando un rio che scende a cascatelle, più avanti ancora un altro, più modesto. Poi, con un lungo traverso nella faggeta, scendendo sempre di poco, ci si porta ad un altro successivo poggio dopo aver superato la fontana del Faou, nel punto in cui sulla sinistra si stacca una pista forestale che presa scende a Peirot consentendo così, una prima volta e volendolo, di abbreviare il percorso. Altrimenti, piegando a destra e percorrendo un tratto in piano incontrando per via il rudere di Lagiard, al termine se ne incontrano altri: sono quelli di Perlà. Anche qui prendendo lo stradello che s’inoltra verso monte, volendolo, si sale a vedere l’insediamento più montano di Inverso Pinasca, Haute Perlà, punto più elevato dell’itinerario mt. 1100, abbandonato da tempo remoto anch’esso ridotto ad un rudere dove il bosco ha ripreso il posto di quelli che un tempo erano prati.
1 ora e 30 minuti c.ca da Combaviola
Scesi a Perlà, saliti su un panoramico roccione, di poco a monte dell’insediamento parte l’ultimo tratto della pista forestale che riporta a valle. Evidente ma inerbita, invasa da novellame di betulla cresciuta sulla terra smossa, scende inizialmente con una lunga serie di svolte perdendo via via notevolmente quota così raggiungendo in basso l’insediamento abbandonato di Sandarena superato che si ha il fondo migliora. Seguono due lunghe diagonali discendenti che percorse portano di sotto la pista forestale a terminare sul “Sentiero di Valle SV/300”. Scendendo, superato un rio che si attraverserà altre due volte, alla svolta che segue il primo traverso, volendolo si può prendere la pista forestale che si stacca sulla sinistra che più avanti terminerà su quella precedente menzionata, abbreviando così, per una seconda volta, l’itinerario. Altrimenti, percorsa la seconda diagonale discendente, la più lunga, si termina di sotto sul sentiero di valle sul quale ci s’immette facendo inversione. Lo si percorrerà sino alla borgata Peirot trascurando per via tutte le deviazioni che scendono a valle. Lo stradello che si prende, quasi sempre pianeggiante,interminabile perché percorso a fine itinerario, però piacevole, traversando nel bosco e superando per strada alcuni rii, termina, di molto più avanti, sullo stradello asfaltato che sale alla borgata Peirot. Qui giunti per tornare a Clot si presentano tre possibilità: percorrere lo strada verso valle oppure salire alle case della borgata dove tra i ruderi di un edificio e una baracca parte l’antico sentiero che traversando da prima per il prato, poi nel bosco, scende alla stessa strada. Oppure ancora continuare a monte delle case e trascurata la pista forestale, oggetto delle varianti proposte, proseguire sullo stradello per Serre, che non si raggiunge, prendendo per via lo stradello che scende a Clot dove questo anello si chiude.
1 ora e 30 minuti c.ca da Haute Perlà.

Album foto


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
21 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 21

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it