Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

MTB : Tour del Marguareis, bellezze, tragedie e disgrazie di Ferragosto
Autore: pierriccardo (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 17/08/07 13:31
Notizia riferita al: 17/08/07
Letture: 3528

Domenica scorsa ho deciso di fare una variante hard in mtb del già duro giro dell’anno scorso.(ved. Prima foto, tracc.Gps su carta 3d dei 2 anni)
Partenza da Chiusa Pesio, Pian delle Gorre, Passo del Duca, uguale al 2006, poi son salito al Passo di Scarasson per scorciare(ciclabilità vicina allo zero!!), invece del Morgantini.
A metà strada incontro uno che scende a piedi che ariva dal Barbera e che mi dice che stanno estraendo lo speleologo, che sta in una grotta da 4 giorni, giusto sotto il rifugio.
Bene, passerò sopra, andrò al rifugio Saracco Volante, così non intralcio ed evito il casino.
Arrivato al Passo Scarasson(2302m), la ciclabilità per il rif. Barbera è del 95%.
Al rifugio è pieno d’auto e di elicotteri che vanno avanti indietro, giovani del soccorso con le loro tutine rosse nuove e pulitissime che sfilano mangiano e bevono.
Sulla porta del rifugio un bel cartello con freccia: “SALA STAMPA” , penso subito a G.F.Bianco, TG3, l’uomo che ha come protesi un elicottero, e mi dico che è il momento di fuggire veloce prima di beccarmi un’intervista al volo.
In fondo lui è qui per lavoro, forse con metodi diSPUTABILI, ma pur sempre un lavoro.
Mi viene in mente la tragedia di Vermicino,di trent’anni fa, del piccolo Alfredino Rampi finito in un pozzo, con una diretta TV di alcuni giorni.
Questa di oggi, per fortuna finirà bene, ma io penso, come altri, che sia già durata un po’ troppo, ed ho timore che il nostro Bianco abbia deciso di farlo stare laggiù, lo speleologo, fino a mercoledì 15, giorno di Ferragosto, un’audience da urlo, seguire alle 12 il suo salvataggio dall’elicottero, caricarlo sù e poi portarlo in diretta, sempre in elicottero, al rifugio Genova a festeggiare con il concerto di Ferragosto delle 12.40, just in time!!
Applausi e poi, a fine concerto, tutti all’Ospedale di Torino.
Parto, raggiungo (ciclabilità 20%) il Rifugio Saracco Volante, dove avevo calcolato di non trovare nessuno.
Alle 13.30 scollino, vedo il Rifugio nella Conca, un elicottero che si posa, una barella che viene issata su tra due ali di tutine rosse che fanno la Hola, e di tute arancio sporche di terra, frontali, imbraghi…. Saranno 200 persone, ho proprio sbagliato tutto.
Ma applaudo anch’io e quasi mi commuovo, sono contento che è finito tutto bene e che non hanno aspettato il 15 Agosto e nonostante che abbiano fatto brillare 250 minicariche esplosive per far passare la barella.
Pazienza se mi guardano un po’ di brutto, come uno stupido intruso e guardone che fa le foto, come quelli dei giornali e della TV.
Chiedo se c’è dell’acqua ad un simpatico barbone con la tuta sporca di terra seduto lì a riposare un po’: senz’altro avrà passato parecchio tempo là sotto, in questi giorni a farsi un mazzo così.
A quelli come lui, in maggioranza dei volontari cui non importa nulla della pubblicità chiedo scusa se ho fatto un po’ di ironia, ma non era per loro, di certo.
Mi indica dove posso trovare dell’acqua ed io proseguo per il Colle del Pas, ciclabilità 30%, quota 2342m.
Splendida vista sul Marguareis, e, sotto, sul Lago della Ratavuloira(pipistrello).
Anche qui il sentiero non è dei più ciclabili (50%); tenendosi sulla sinistra, senza perdere quota, si giunge a Porta Sestrera(2225m).
Ora di qui una persona con un minimo di senso dell’equilibrio potrebbe scendere al Garelli, oppure al Mondovì, che già non è da ridere, ma almeno sarebbe divertente.
No, già fatto altre volte.
Mi avventuro per la cresta tra Valle Pesio ed Ellero, destinazione Casino del Cars.
Il problema è che ci sono alcune cime di mezzo (Serpentera, S.Lorenzo,Madonna, Cars) e i rispettivi colli, che non sono colli, ma gole, nessun sentiero sulla carta, qualche traccia… qualche passo di arrampicata con mtb, alcuni da fare invidia alla Nord ed alla Sud dell’Argentera.
Ma, di dritto o di traverso li faccio tutti fino al Casino del Cars.
Se non altro qui non ho incrociato anima viva e gli elicotteri hanno smesso anche loro; la ciclabilità? Diciamo sul 10%, praticamente un bel giretto da fare a piedi.. e con un po’ di attenzione.
Qui, per non fare il solito brutto traverso sotto la Guardiola, di cui qualcuno nel 2006 si era lamentato, mi son buttato direttamente giù nel vallone, sapendo che prima o poi avrei incrociato il sentiero che traversa dal gias soprano del Pari al Gias soprano Baus Lula.
Solo che non ho avuto pazzienza ed ho traversato prima, per delle tracce che non raccomanderei nemmeno al peggior nemico.(ciclabilità 10%)
Risultato: sono arrivato al gias sopr. Baus Lula per una via più brutta e più lunga che se fossi passato di sopra.
Ma da lì in giù ciclabilità 100%, in venti minuti ero alla Certosa di Pesio per la splendida forestale che si sale d’inverno con gli sci.
------------------------------------------
Il 14 Agosto invece, con la mia sorellina, tranquilla, ma bellissima salita da Sambuco, Valle Stura, su bellissimo sentiero che dal paesino sale alle pendici del M.Bersajo, poi fa un bellissimo traverso, supera il Rio Bianco e raggiunge Moriglione di fondo, Moriglione S.Lorenzo, poi siamo saliti su solita bella sterrata al Pilun e raggiunto il Gias Vallonetto.
Quindi, dopo aver incrociato il grande ripidista Eraldo che saliva come un fulmine e andava alla Bandia, Valcavera, poi si buttava giù in cresta da M.Omo, Savi, M.Vinadio, abbiamo dovuto a malincuore scendere a Sambuco per la variante inferiore del sentiero di salita, bellissimo, perché alle 13.30 avevamo un invito a pranzo dal figlio di Bartolo, che è stato, se possibile, meglio della gita!
Beh, tranquilla mica tanto, poi: ci siamo fatti 1200m di dislivello in due ore e mezza!!
E con che mtb, la sorellina!
----------------------------------------
Mercoledì 15, Ferragosto, meglio stare a casa, o al massimo andare per musei a Torino che sono a gratis e non c’è nessuno.
I tempi dei concerti di ferragosto, ai quali sono andato negli scorsi anni (Limone, Gardetta, Pontechianale , Monviso,ecc..) e che pure mi piacciono, per me un po’ misantropo, sono per ora messi da parte… e, vista la ressa e le code di questo mercoledì, ben narrate da Fulv54 (Complimenti per il nuovo toponimo del “Lago delle Disgrazie” che ho messo nel titolo!!), credo di aver fatto la scelta giusta.
Se non altro alla TV il concerto era bellissimo, anche se abbiamo dovuto sorbirci il bravo presentatore G.F.Bianco col suo elicottero e le sue esilaranti interviste del tipo: chi è di voi due che fa da mangiare, ai giovani custodi della diga e se bevete vino… e le risposte: facciamo un po’ per uno e vino non si può bere qui e neanche pescare: Bravi! E bravo anche G.F., che, come detto, mentre noi siamo in ferie, lui lavora duro.
Con l’elicottero, ma pur sempre un lavoro!

Data: 12.8.2007
Partenza: Chiusa di Pesio
Zona: Valle Pesio, Carsene, Valle Ellero
Lunghezza: 80km, forse
Dislivello posit: 3430m
Ciclabilità: lasciamo perdere, andateci a piedi.
Difficoltà, la solita: OCAPPPP+++ (CicloAlpPirlaPirlaPirla+++)

Album foto Tour Margua
Album foto Sambuco Vallonetto
Tracciato gps


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
wlafioca
Inviato: 17/8/2007 19:48  Aggiornato: 17/8/2007 19:48
Guru
Iscritto: 27/9/2006
Da: Pianezza
Inviati: 641
 Re: Tour del Marguareis, bellezze, tragedie e disgrazie d...
Ho visto bene ,3430 m di dislivello con l'aggiunta della bici-zavorra!
Ma come accidenti fate , tu e molti altri di questo sito a fare dislivelli cosi' mostruosi in 1 giorno Quando andavo in montagna nessuno che io conoscessi andava al Granpa o al Monviso in giornata, d'altronde per questo motivo hanno fatto i rifugi ( e sono sempre affollati...)
Sulla storia del salvataggio dello speleologo sono d'accordo con te , vista in tv sembrava quasi gossip...Però io il lavoro di Bianco lo farei anche gratis...elicotteri compresi
e complimenti!

Autore Commento
pierriccardo
Inviato: 21/8/2007 10:30  Aggiornato: 21/8/2007 10:30
Guru
Iscritto: 3/1/2006
Da: Cuneo
Inviati: 2986
 Re: Tour del Marguareis, bellezze, tragedie e disgrazie d...
Grazie, troppo buono, come sempre!
Ho rifatto i conti, e anche se il mio gps scassato direbbe molto di più, credo di aver esagerato di almeno 100m...
eh mi sembrava un po' troppo anche a me!
Ah, c'é rimasto un altro speleologo, questa volta francese... sarà per questo che adesso i giornali cominciano a fare i conti di quanto ci costano gli elicotteri
ric
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
34 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 34

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it