Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Escursionismo : Piene-Haute
Autore: klaus (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 27/01/13 17:18
Notizia riferita al: 27/01/13
Letture: 1045

Oggi tanto per non rischiare nulla e anche perché comunque preferisco le escursioni sull’asciutto vado per la valle Roya.
Dalla parte Francese la neve finisce praticamente a St. Dalmas, almeno ai bordi delle strade, arrivo fino all’incantevole cittadina di Breil dove parcheggio all’inizio dell’abitato (perché poi posti liberi non ce ne sono). Costeggiando il Roya attraverso tutto il paese e dopo il ponte, dalle ultime case, incontro l’inizio del sentiero con immancabile palina indicatrice.
Si sale in poco tempo un centinaio di metri, quel tanto che basta per avere una magnifica visuale dall’alto di Breil e del fondovalle. Altri dieci minuti e si incontra un importante bivio, anche questo ben segnalato : tutti e due i percorsi portano a Piene-Haute, per chi ha fretta consiglio quello segnalato “par la pointe du Riou” che è più diretto. Io fretta non ne ho e allora prendo il sentiero principale (a destra) che sale ad alcune case abitate, si immette in una sterrata che va seguita fino al suo termine dove diventa di nuovo sentiero.
Comincia ora un lungo percorso che contorna a mezza costa un incassato valloncello fino in località Viravourgio, scende ad attraversare il piccolo rio e torna con alcuni saliscendi verso Piene-Haute. Si incontrano ancora alcune case, una di queste con un bergè e le sue pecore (e il suo cane…), si ritrova una sterrata che dopo alcuni tornanti in leggera salita si immette nella strada asfaltata. Seguendola verso sinistra in pochi minuti si arriva al bellissimo borgo di Piene-Haute, che per gli amanti del genere vale da solo il viaggio, così com’è abbarbicato su uno sperone roccioso a picco sul fondovalle Roya.
Dopo aver visitato il borgo (però non si può salire al castello, il sentiero è sbarrato anche ai pedoni), mi sfamo e mi disseto per poi iniziare il ritorno. Ritorno che ho deciso di fare con il percorso più diretto : sulla piazzetta del paese c’è l’immancabile palina che invita a scendere per un ripido sentierino con tornanti molto fitti verso il fondo del valloncello aggirato in precedenza. Attraversato sul fondo il rio (con qualche patema d’animo perché qui un po’ più largo e con più acqua) non resta che risalire leggermente e contornare pianeggiando una costola della montagna fino a ritrovare il bivio incontrato all’andata. Da qui in venti minuti all’auto.
Giornata completamente serena in val Roya e non fredda, si stava benone solo con una felpa. Passato il tunnel del Tenda ho invece trovato il cielo grigio che annuncia l’imminente nevicata prevista. Per ora niente, però…meglio così.
Come sempre la valle Roya offre paesaggi autunnali o primaverili anche in pieno inverno…ulivi, sempreverdi vari, arbusti di erbe provenzali…ho raccolto un po’ di timo fresco che userò per un buon arrosto…


Data : 27/01/2013
Zona : valle Roya
Partenza : Breil-S/Roya, m. 290
Quota arrivo : Piene-Haute, m. 605
Quota max : regione Viravourgio, m. 700
Dislivello accumulato : m. 600 circa
Difficoltà : E


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
17 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 17

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it