Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Escursionismo : Rocca d'Orel - 08 maggio 2012
Autore: klaus (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 08/05/12 16:59
Notizia riferita al: 08/05/12
Letture: 825

Da un paio d’anni non tornavo in questo vallone…ogni tanto bisognerebbe farci un giretto, se non altro per gustare le specialità alimentari, alla faccia del fegato. La gita di oggi è stata di quelle vedo-non vedo…le nebbie l’hanno fatta da padrone. In partenza vedo.
Dal parcheggio a valle della borgata si prende il sentiero segnalato in giallo del percorso natura che sale a Nord Ovest verso il grande solco del vallone Pianard e lo si segue fino a quando svolta decisamente a sinistra verso il bosco Bandito.
Praticamente quando il grande solco compie una S si abbandona il fondo per portarsi sull’altra sponda e si risale per prati e tracce di animali obliquando verso destra. Perlomeno è quello che ho fatto io e mi sono trovato bene.
Si attraversano altri due piccoli valloncelli e in breve si arriva sulla vetta sormontata da ben due croci, anzi tre perché un’altra è rotta e appoggiata per terra. Sul m. La Croce (m.1957) non vedo.
Il tratto più ripido è fatto e comincio la lunga salita sulla costolone che scende direttamente dalla Rocca d’Orel, oltrepassando le roccette del bric dell’Omo (m.2126). Qui mi fermo un attimo sia per rifiatare che per mettere le ghette, c’è da attraversare un tratto di neve che non ha per niente rigelato e si va giù fino ai ciufoli. Qui vedo.
Passato il tratto con neve basta risalire di poco e ci si immette nel sentiero segnalato con bolli rossi che sale dal colletto Pianard e di qui in pochi minuti si arriva sulla vetta della rocca. Vedo, poi non vedo, poi vedo.
Di proseguire verso il m. Bussaia (o becca d’Orel) non se ne parla proprio, l’ho già fatta sull’asciutto e so che c’è un tratto in discesa per niente simpatico e qui ora di neve ce n’è in abbondanza.
Per la discesa, tornato al piccolo bivio dove c’è un ometto, scendo per il sentiero segnalato sul colletto Pianard e con una breve risalita tocco anche la sommità del m. Pianard (m. 2306) dove nel 2008 hanno messo una croce. Vedo, benissimo…per qualche minuto. Bevo una birra. Fumo una cicca.
Senza tornare al colletto scendo direttamente a fianco del solco del vallone fino ad incrociare nuovamente il percorso natura abbandonato in precedenza e di qui all’auto. A Palanfrè vedo benissimo.
Sono solo le 12,15…perché non andare a festeggiare alla locanda-bar-posto tappa GTA “l’Alberch” ?
Mi strafogo un piatto di tagliatelle al ragù, una collezione di formaggi (produzione lì vicino), una birra e un caffè, il tutto per una modica cifra.
Che c’era da festeggiare? Lo so io, lo so !


Data : 08/05/2012
Zona : valle Vermenagna, vallone Grande.
Partenza : Palanfrè, m. 1378
Quota max : Rocca d’Orel, m. 2439
Dislivello oggi : m. 1100
Difficoltà : EE
Note : sono 30 (trenta), e non sono anni. E gli altri stiano…Allegri, che il vento tira di nuovo da Nord Ovest.
La strada per il Paradiso? Salire in alto e poi terza stella a sinistra…


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
19 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 19

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it