Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Alpinismo : Un rendez-vous ai piedi del Monviso...21-agosto 2010
Autore: Jacolus (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 22/08/10 15:36
Notizia riferita al: 22/08/10
Letture: 1455

Una serie di circostanze a dir poco sfavorevoli,hanno fatto si che perdessi il treno dell’1.59 carico di amici che passava da casa mia per prendermi per andare sul Monviso. Ma la colpa è mia...mai essere sinceri con le mogli! Quando nel cuore della notte sono andato a salutarla,con un casto bacio in fronte,lei con la voce impastata di sonno mi domanda dove vado,al chè quando gli dico sul Monviso, lei come avesse preso una dozzina di caffè si inalbera, si inviperisce, allora io per la quiete domestica e condominiale cerco di smorzare i “tuoni”almeno momentaneamente...Dopo i lampi iniziali la perturbazione si protrae fino all’alba con estenuanti e snervanti trattative non sempre diplomatiche, fino a raggiungere un compromesso...Ho il nulla aosta per andare incontro ai miei amici quando scendono....E finalmente alle ore otto esco di casa, appena sono sul pianerottolo lei con uno salm! da fare tremare tutto il condominio mi chiude la porta in faccia con emblematicamente tre doppie mandate... Sento uno strano sapore di libertà! E volo incontro ai miei amici... Ma la capisco,lei nel Monviso vede un pericolo per me, e...io sono il suo conto in banca...

Ho lo zaino stranamente pesante più tardi capirò il perché...salendo il canalone delle Forciolline mi raggiunge un simpatico signore di Rapallo, da sotto aveva riconosciuto Jolie,voleva conoscere anche il suo “padrone”Quindi siamo saliti in compagnia fino al bivacco. Lui parlava, parlava e io ansimavo ,ansimavo...

E’ mezzogiorno,penso che i miei amici stiano già scendendo,rallento il passo perché se più vado piano più loro scendono,e io ho lo zaino molto pesante... Oggi è anche il compleanno di Franco,ha voluto festeggiarlo lassù. Franco è il più bello del gruppo;Un bronzo di Riace!Alto fronte larga e spazziosa,riccio, bruno,occhi azzurri,sgaurdo virile,largo di spalle e stretto di fianchi..è “l’uomo che non deve chiedere mai!” Un vero “tombeur des femmes” Salendo a tutti quelli che incontro chiedo se hanno visto un bell’uomo, un’ altro con i baffetti e una ragazza piccolina che piegata starebbe comodamente in uno zaino... Loro mi danno da mente come si da mente ai pazzi,lassù ci saranno state decine di gruppetti con una ragazza piccolina assieme....Poi quando mi appresto a salire l’ultima morena prima dell’Andreotti ecco lassù spuntare una ragazza con il foulard blu in testa,E lei! Ha braccia aperte come volessi abbracciare tutto il mondo grido un sonoro Ciaooo!!!!!!!! ella mi guarda con lo sguardo a punto interrogativo,e appena si avvicina mi accorgo che è una che le assomiglia,e le dico:ma tu non sei Nadia! no sono Simona! mi risponde. Non importa, le dico,il mio saluto lo estendo a tutte le donne che oggi hanno salito il Monviso!

Ma poco dopo appena aver salito la morena,eccoli la,Franco mi riconosce,per mezzo di Jolie,mi viene giù incontro di corsa,e con un gesto atletico mi prende in braccio facendomi roteare...A poco a poco arrivano tutti,occorre fare un brindisi,tiro fuori la bottiglia dallo zaino ,ma mi accorgo che non una,non due, c’è ne sono tre! Ecco spiegato il mistero dello zaino pesante! Penso come sia andata:Tutte le volte che preparo lo zaino metto sempre dentro una bottiglia,poi magari mi dimentico di berla e di levarla,quindi.... Oggi non moriamo di sete,oltre le mie tre c’è il dolcetto di Vanni la barbera di Franco e il nebbiolo di Nadia!

Poco prima del bivacco troviamo un posto ameno in riva al lago per metterci “en bula” per il resto della discesa,le varie qualità di vini fanno sciogliere la lingua e tolgono i freni inibitoti. Con noi c’è un bravo giovanotto molto timido e sposato da poco,che diventa bersaglio delle mie omelie contro il matrimonio. Che tenerezza mi fa così ingenuamente felice! Ha bisogno di una scrollata,penso...e apostrofandolo li dico: Non lo sai che il matrimonio è la tomba dell’amore! Ma ormai la frittata l’hai fatta,allora cerca di comportarti come se non fossi sposato,mi spiego:tutti i giorni devi sempre mostrare qualcosa di nuovo e di diverso...devi sempre lasciare qualcosa di nascosto in te,non scoprirti mai completamente,lascia sempre un velo di mistero,tutti i giorni deve corteggiare la tua bella come fosse la prima volta,e questo vale anche per lei,cerca di conquistarla a fatti conquistare,desidera e fatti desiderare, ciò riaccende e ravviva il desiderio e il rapporto di coppia rimane sempre fresco e vivace...Poi...apparentemente lascia che sia lei ad avere il timone del tuo vascello,!Sai le donne che da sempre sono state sottomesse ora sono in cerca di una rivincita, controlla la sua navigazione a distanza,e come un buon nocchiero intervieni solo prima che porti la tua barca contro gli scogli! Sai,mancano ancora di esperienza... Poi ancora un’alta cosa:sei così giovane,no perdere le occasioni che ti offre la vita...non essere egoista da amare una sola donna ma sii altruista,ama tutte le donne che desiderano essere amate da te,questo vale anche per lei...Dona gioia e amore!Pensa come sarebbe bello il mondo senza gelosie e senza proprietà... E un bicchiere dopo l’altro fa emergere prepotentemente il mio spirito sessantottino dei “figli dei fiori”che sconfina nella più assoluta anarchia, mi accorgo che sto scardinando uno dei pilastri fondamentali della società...

Questo povero figliolo innamorato,sconvolto e disorientato dalle mie rivelazioni,decide di scendere prima di noi assieme alla nostra amica, mentre io e Franco ci facciamo ancora una bella fumata,finendo il genepy di Vanni. In seguito avrò qualche problema a deambulare sulla cengia dei camosci,ma arrivato al bivacco ancora con un barlume di coscienza riesco a “vendere”l’ultima bottiglia rimasta a quel signore di Rapallo incontrato in mattinata,con l’augurio che ne facciano buon uso....

Arrivo a casa che è molto tardi,entro nelle mura domestiche come un bambino che ha paura di essere sgridato dalla mamma,Carla è li altezzosa che mi attende,mi rivolge solo queste lapidarie parole:lì c’è la cena! io esco! Nemo profeta in patria...


data:21-agosto-2010
località partenza:Castello di Pontechianale
quota partenza:1600 mt.
quota ghiacciaio Sella:3100 c.
dislivello:1500 c.

Album foto


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
titti
Inviato: 22/8/2010 17:50  Aggiornato: 22/8/2010 17:50
Allievo
Iscritto: 25/11/2009
Da:
Inviati: 35
 Re: Un rendez-vous ai piedi del Monviso...21-agosto 2010
tutta la mia solidarietà a Carla: sono sicura che lei sia una donna speciale!!

Autore Commento
Jacolus
Inviato: 22/8/2010 20:35  Aggiornato: 22/8/2010 20:36
Iscritto: 5/12/2008
Da: Piasco
Inviati: 10819
 Re: Un rendez-vous ai piedi del Monviso...21-agosto 2010
Certo! solo per il fatto che mi sopporta non supinamente con cristiana rassegnazione,ma che è una lottatrice come me,e proprio una donna eccezzionale!
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
115 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 115

altri...

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it