Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

MTB : Innsradweg - pedalando da Innsbruch ad Imst
Autore: mountain (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 10/08/10 23:38
Notizia riferita al: 10/08/10
Letture: 1159

Da Innsbruck ad Imst lungo l'Innradweg (Km. 65)
Dopo una serata nella quale abbiamo fatto conoscenza con i compagni di viaggio, ottima è stata la cena nella quale mi sono soddisfatto con la knoblauchsuppe (il giorno dopo mi stavano tutti un po' a distanza). Al mattino con l'assistenza di Luca e Daniele, preparazione delle bici ed ultimi accorgimenti ai bagagli, comprese attrezzature antipioggia. Luca è il condottiero con le cartine dettagliate del percorso mentre Daniele porta il mezzo al seguito per le valigie e le bici di scorta ed è pronto per l'eventuale recupero di chi fosse in difficoltà. Il tempo è alquanto grigio; passiamo ancora a farci un giro veloce per due foto ad Innsbruck, poi infiliamo le ciclabili dell'Innradweg ed iniziamo la facile risalita verso Imst. Il percorso sale leggero, quasi impercettibile; si inizia prima percorrendo la sponda sinistra idrografica dell'Inn; il passaggio di aerei a bassa quota è segno che siamo vicini all'aeroporto; ad Inzing si passa sull'altra sponda per ritornare di nuovo dall'altra prima dell'abitato di Telf.
A metà strada oltre a rifocillarsi, il gruppo ha fatto visita all'abbazia cistercense di Stams che risale al XIII secolo. I suoi caratteristici campanili a bulbo, fatti costruire dall'abate Edmund von Zoz, si riconoscono in lontananza. Tra il 1650 e il 1750, alle vestigia romaniche originarie si sovrapposero strutture ed opere di restauro barocche, quindi oggi l'abbazia accoglie i visitatori con un'incredibile sfarzo e una grande abbondanza di ornamenti. Io che non apprezzo il barocco sono rimasto nei giardini a farmi un riposino ed a custodia delle bici. In ambiente verdissimo abbiamo poi proseguito nell'Inntal su comode piste tra fattorie e graziosi paesini fino a raggiungere Imst (m 827). Abbiamo incontrato una strana coppia con 4 pargoletti ed un cane che si fanno a piedi un lungo giro per l'Europa con una carrozza tipo Far West dei poveretti, trainata da due asinelli seguiti da un piccolo. Si fermano dove gli pare, dormono in una tenda mentre i bimbi in cuccette appese nella carrozza; ogni tanto approfittano anche delle gasthof, così si fanno la doccia oltre a prendersi un po' di caldo ed asciutto dopo varie giornate trascorse all'umido. Ci confidavano che in Italia tutti li aiutano, mentre negli altri paesi sono meno disponibili (nen a tuti ai piasu i singher). Noi invece ci siamo trovati come principi alla Gasthof Neuner (sala benessere, bellissimi locali e cena ottima). E' una pacchia fare un giro in bici così organizzato; ti trovi le valigie giorno per giorno dove pernotti ed i posti sono sempre stati scelti con cura; hai sempre addosso roba pulita; non devi interessarti del percorso perché c'è chi lo conosce bene.
Con l'età è proprio vero che si matura; quando ero bambino me lo diceva già un autotrasportatore il quale appena è stato possibile ha subito installato una gru sul suo camion: perché tribolare quando se ne può fare a meno?
A sera piove! per domattina se il tempo fosse bello avrei un'idea interessante .... però non promette bene. Vedremo!

Album Foto


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
104 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 104

altri...

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it