Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Alpinismo : 16/05/2010 Quasi Niblè
Autore: emilio (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 18/05/10 19:58
Notizia riferita al: 18/05/10
Letture: 1042

Per dirla tutta, quasi è una parola grossa.
In realtà si era iniziato a ragionare sul Giusalet, ma poi, il tempo incerto, il vento ( che, si sa, se c'è anche solo una vaga possibilità che ci sia vento in giro, al Moncenisio è una certezza) e anche gli impegni pomeridiani…
Fatto stà che la scelta è caduta sul Niblè!
'Appena giunti alla stazione del paesino di sant'Ilario
tutti si accorsero con uno sguardo che non si trattava di un missionario.'
Il canale che conduce al bivacco Blais, visto dal Marianina Levi, non era poi tanto invitante:
la nebbia si addensava a 700/800 metri sopra di noi accompagnata da un forte vento.
Il tempo di prepararci e chiudere la macchina ed ecco arrivare al parcheggio Franco e Gloriano.
La loro meta è il Truc Peiron. Il vento c'è anche per loro ma almeno sembra essere sgombro da nebbia.
Ma noi, irremovibili! Tanto, sicuramente si aprirà anche il Niblè.
Il rigelo notturno è stato ottimo, quindi partiamo subito coi rampant.
I pendii si fanno subito ripidi ma i coltelli mordono bene sul marmo.
Marco mi mostra il canalino delle Monache alla nostra sinistra. Sembra interessante , ma continuiamo verso la nostra meta.
L'unico ( per adesso) problema è il vento che di tanto in tanto soffia con tale violenza da mettere in dubbio il nostro già precario equlibrio, salvo quello di Lorenzo che, forte dei suoi 90 Kg, sale con la sicurezza di un millepiedi sulla parete del lavandino.
Ma teniamo duro e proseguiamo fiduciosi.
Giunti a quota 2700 m la barriera di nebbia (che non si è mai aperta e mai si aprirà) è invalicabile.
Trovato un 'reposoire' spelliamo.
Vabbè, ci godremo questi rispettabilissimi 800 metri.
La pendenza è sostenuta ma il grip delle lamine è buono e in un attimo siamo alla base del canale, quando…
- IDEA!!!Siamo in netto anicipo per il ritorno e abbiamo ancora le batterie cariche. E mica ce le vorremo portare a casa così ?
Certamente no!
Una vocina proveniente dal canalino delle Monache ci chiama suadente, e noi, come i marinaretti di Ulisse, ci lasciamo incantare.
- Tre,quattrocento metri di canale; ECCHESSARÁMAI ??!! almeno facciamo ua gita che tale possa chiamarsi.
Sci in spalla e iniziamo a salire
Qui lo stato della neve è cambiato e il sole l'ha già scaldata, ma rimanendo sullo svalangato e preferibilmente nei punti in ombra, si sale abbastanza bene senza sprofondare (io, Marco e Guido mentre per Lorenzo,forte dei suoi 90 Kg, la storia è cambiata)
Una quarantina di minuti e siamo in cima al canalino.
In un attimo siamo pronti per scendere.
La neve è ancora ottima farina pressata(?).
Marco si tuffa per primo(da vero ingordo),segue Lorenzo con impareggiabile eleganza, poi Guido e in fine io che mi difendo come posso.
A metà del canale siamo obbligati ad abbandonarlo per riportarci sui pendii ovest. Pena un lungo portage.
Qui, un buon firn ancora duro, ci permette di arrivare bene fin quasi alla macchina.
Bene, anche oggi abbiamo fatto qualcosa che merita di essere raccontato.
Un grazie ai soci della giornata: Marco, Guido e Lorenzo


Data: 16/05/2010
Partenza da: grange della valle
Quota partenza: 1890 m
Dislivello: 1100/1200 m
Zona: Exilles
Difficoltà: OSA(?)

Album foto


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
96 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 96

altri...

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it