Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

SciAlpinismo : BIS!!!!Couloir Nordest Pebrun 30/12/2006 e 2/1/2007
Autore: pierriccardo (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 31/12/06 17:27
Notizia riferita al: 31/12/06
Letture: 1329

2/1/2007
Rifatta oggi. Per la relazione lascio il compito, arduo, ad Enrico ed Emilio. Grandi!
Vi dico solo che:-Ha nevicato tutto il giorno-Fresca nel Couloir salendo:60cm min.-Tempo di percorrenza all'incontrario: RECORD!
Pericolo valanghemolto alto: attendere assestamento.
Metto solo qualche foto, che trovate in coda all'album

Album Foto


30/12/2206
Dopo un altro pacco del mio solito, diciamo, amico, mi son buttato a Bersezio da solo. Ma dopo nemmeno 300m ero già in compagnia di uno che andava il doppio di me e che però mi ha aspettato fino in cima. Abbiamo fatto una scommessa: lui dice che quello sopra Bersezio é l'Oserot, io sono sicurissimo che é molto più ad Est: che figuraccia!! ho perso
-Da Bersezio si segue la strada(ben innevata) fin sopra Ferrere e si continua fino al Gias Colombart.
Il canale si trova proprio lì, in faccia all'Andelplan; da qui fa un pò fifa.. non vediamo tracce di salita per il canale (in effetti gli altri saliti oggi sono passati di lì), noi invece siamo saliti fin quasi alle basse di Colombart e poi abbiamo tagliato a sinistra e raggiunto la cresta che unisce il Colle del Puriac al Pebrun.
Questo traverso in salita é molto gonfio di neve ventata; io ho tagliato per ripide roccette innevate con un vento della M...., e vi assicuro che non é stato per nulla simpatico nemmeno di lì, specie con le ciastre nei piedi.
Forse é meglio scendere un pò dal gias Colombart e risalire il canale coi ramponi.
Poi comunque la cresta é bella e facile.
Vento terribile.
Il mio socio delle scommesse scende(l'ho già fatto aspettare abbastanza), e così anche gli altri 4 che sono in cima.
Guardo il canale da sopra... fa fifa anche da qui, vedo quelli bravissimi saltre, scendere e.... portarmi via tutta la polvere... la mia salvezza.
Il vento mi butta perterra ed io sono solo come un cane e penso che scenderò in un canale più in là, più largo e meno ripido.
Poi mi ricordo che non sarò tanto un duro.... ma ho la piccozza!
Andiamo... le gambe mi fanno giacomo giacomo, ma ormai sono partito.
Sebbene di polvere non ce ne sia più lassù in alto, la neve però é bellissima farina compressa.
Vedo laggiù a metà canale qualcuno fermo... le curve le farò un'altra volta lassù in cima; comincio un pò più sotto, dove le pendenze scendono a 40°.
Il tipo a metà torna indietro, così ci facciamo coraggio.
Verso il fondo del canale, per non dover risalire, faccio un bel traverso e vado a finire in una cengia tra le rocce con un passaggio di 15cm. Mi tolgo la tavola,perché sotto c'é un bel salto di 5 m. ed io a saltare non ci provo più..
Mi rimetto la tavola... quando ho fissato un piede la tavola mi scappa e sto facendo il salto.
Mi aggrappo al bastoncino del tipo che é comparso dietro di me, come succede nelle fiabe e mi salvo.
Grazie!!
Ingrato però verso il cielo che mi ha teso la mano, due minuti dopo già impreco perché devo togliermi la tavola e sprofondo fino al ginocchio. Ma dura solo 2 minuti, sono sulla strada, sulla quale scivolo fin sopra Ferrere.
Lì c'é un colletto dal quale si può scendere sulla strada, tagliandone un bel pezzo.
Anche se in salita avevo spergiurato che non sarei mai sceso di lì, viste le pietre affioranti, mi butto giù, tanto ormai ho imparato a rifarmi la soletta della tavola da solo: l'ho rifatta l'altroieri... sarà per quello che avevo fifa a scendere nel canale... era troppo liscia!!!
Magari mi studio qualcosa da incollarle sotto per aumentarne il grip.
Comunque bella scorciatoia! Le pietre le ho schivate (quasi) tutte.
E poi ultimo pezzo di strada: ogni tanto un metro di asfalto... mica mi fermerò! lo salto!
E poi grido ad un gruppo di pedoni che non riesco a fermarmi: loro ridono, si buttano sulla riva e mi dicono delle cose che suppongo gentili, tanto ho il casco, e con quello non sento nemmeno cadere le valanghe.

Data : 30/12/2006
Partenza : Bersezio (1615 m)
Zona : Valle Stura di Demonte
Arrivo : M.Pebrun (2797 m)
Dislivello posit. cumul : 1325 m
Difficoltà : osa (4.2 E 2, dice chi sà)

Album Foto

GPS


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
21 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 21

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it