Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Escursionismo : Anello del Passo del Bue e del Colle della Guercia, da San Bernolfo
Autore: CompagniadellAnello (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 04/09/22 23:38
Notizia riferita al: 25/08/22
Letture: 322

Siamo sempre meno numerosi a ritrovarci per la gita del giovedì, oggi siamo solo tre ad affrontare un anello molto bello e interessante per la varietà del paesaggio che s’incontra, tra i valloni confinanti col Santuario di Sant’Anna di Vinadio.
L’itinerario si sviluppa attraverso i valloni della Sauma, della Guercia e di Collalunga, aggirando la Serriera di Pignal e incontrando tre laghi al disopra di quel magnifico villaggio di San Bernolfo, (Sabarnui nella parlata occitana), nel Vallone dei Bagni di Vinadio, ad una quota di 1703 metri slm.
Visto che siamo solo in tre decidiamo di partire più mattinieri del solito ed alle 8 siamo già in cammino sul ponte che attraversa il rio Corborant subito dopo il parcheggio al di sotto di San Bernolfo (1663 m).
Al bivio per il Rifugio del Laus continuiamo ancora in discesa fino al bivio successivo verso il Vallone della Sauma e il Passo del Bue dove proseguiamo a destra sulla stradina che sale piuttosto ripida fino ad addentrarsi nel vallone della Sauma. Quasi all’inizio della salita finiamo in un largo “reu” di raccoglitori di funghi mentre la pista s'innalza a lunghi tornanti, sempre all'interno della bellissima abetaia. Aggirate le estreme propaggini della Testa del Vallonetto, la vecchia carrareccia entra nel Vallone della Sauma.
Risaliamo il versante sinistro orografico del vallone con un diagonale che alterna brevi e ripidi strappi e tratti meno pendenti, finché, a quota 1820 circa, la pista sterrata termina definitivamente e si trasforma in sentiero.
Poco oltre si guada senza difficoltà il piccolo rio e si prosegue l'ascesa sul versante destro orografico del vallone, su terreno ora più aperto che ascende verso la testata del vallone.
Nei pressi della confluenza con il rio, troviamo su un masso l’indicazione verso destra per il lago della Sauma.
Continuiamo a salire la china erbosa ricoperta da funghi di un colore giallo-arancio intenso fino ad arrivare al colle della Sometta (m 2209) - caratterizzato da un magnifico prato, ormai diventato color giallo aranciato, e con la presenza di una pozza, ora ricoperta da erba verde splendente - che si affaccia sulla parte alta del Vallone della Tesina. Intanto in alto compare un’aquila che si aggira intorno alle vette.
Superato il colle pieghiamo in direzione Ovest e ci inoltriamo nel vallone Gorgia dei Laghi, accompagnati per un tratto da un piccolo falco pellegrino, scendendo con un lungo diagonale su tracce poco visibili per passare sotto alcune rocce e quindi risalire su terreno pietroso seguendo alcuni ometti e tracce di sentiero fino a scavalcare lo sbarramento roccioso.
Qui incontriamo il lago, denominato Lago di Gorgia (2306 m), situato ai piedi dello sbarramento roccioso in un posto talmente incantevole che decidiamo di fermarci per uno spuntino.
Intanto dalla Francia si affaccia un nebbione minaccioso che oscura le vette e il passo.
Sempre seguendo gli ometti risaliamo il vallone per pendii erbosi e rocce piatte. Tenendoci sulla sinistra orografica superiamo un secondo lago (2450 m), che in questo momento è povero d’acqua, situato sotto la Serriera di Pignal.
Proseguiamo, sempre indirizzati dagli ometti, su un lungo tratto in pietraia, puntando ai resti della casermetta più in alto dove una palina indica a sinistra la mulattiera che tagliando a metà le Rocche di Saboulè, conduce all’omonimo colle mentre a destra indica il Passo del Bue, che raggiungiamo in breve (2603 m).
Ci soffermiamo un attimo a scambiare alcune notizie con altri due escursionisti diretti a Sant’Anna di Vinadio mentre alla nostra sinistra spicca l’ammasso roccioso della Testa Rognosa della Guercia.
Superato l’intaglio roccioso del passo iniziamo la discesa nel Vallone della Guercia con un sentiero esposto su una ripida parete i cui primi metri sono messi in sicurezza con una catena d'acciaio. E’ un lungo tratto a stretti zig-zag non idoneo a chi soffre di vertigini, con superamento di numerosi brevi tratti rocciosi esposti che fanno consigliare questo percorso ad escursionisti esperti e che conduce verso la casermetta che si vede in fondo sotto di noi.
Superato con estrema attenzione questo tratto raggiungiamo la casermetta e risaliamo a sinistra il breve tratto che ci permette di raggiungere il Colle della Guercia (2457 m) che comunica con il Vallon de la Cabane Mouton e il Vallon de Chastillon. Da qui abbiamo l’opportunità di esaminare soddisfatti il tratto del sentiero che abbiamo appena superato in discesa dal Passo del Bue.
Dal colle ridiscendiamo alla casermetta semi diroccata, situata in un posto magnifico dominante tutta la valle, che ci invita a sostare per la pausa pranzo, con al termine un improvvisato “quasi concerto di corno delle alpi o alpenhorn”.
Terminato il pasto riprendiamo la discesa nel vallone pietroso della Guercia sul sentiero che taglia il fianco occidentale della Serriera di Pignal fino ad affacciarsi sul lago di San Bernolfo e, più distanti, i Monti Laroussa e Saletta divisi dal Passo Laroussa.
Terminato finalmente il sentiero pietroso scendiamo con una serie di piccoli tornanti, tra arbusti, larici e rododendri, nel Vallone di Collalunga e attraversato un ponticello di tronchi raggiungiamo il lago di San Bernolfo (1913 m).
Risaliamo il Colletto del Laus (1950 m) e giungiamo al Rifugio De Alexandris o del Laus (1910 m) dove ci dissetiamo e rinfreschiamo alla fontana.
Ora non ci rimane che percorrere la carrareccia che scende a San Bernolfo approfittando delle tante scorciatoie che abbreviano il percorso e chiudendo l’anello odierno.
Note toponomastiche
Sauma (Vallone, Rio, Lago della): localmente Laus d'la Saumo, Sauma, dal provenzale 'saumo' è sinonimo di asina.
Sometta o Sommetta (Testa, Passo della): deriva dal latino 'summus', sommità, parte più alta.
Gorgia (Vallone, Lago di): toponimo assai diffuso derivante dal tardo latino 'gurgis' e dal provenzale 'gòrjo' corrispondente a luoghi caratterizzati da gole o canaloni incassati.
Saboulè (Rocche, Colle, Cabane): nome locale provenzale Seboulét o Siboulet. Si pensa ad una derivazione dal francese 'sabouler', con il significato di luogo battuto dalla tormenta.
Bue (Passo del): il termine, italianizzato e distorto, lascia molti dubbi sulla denominazione originaria del luogo. Quello che è certo è che non ha alcuna attinenza con le bestie bovine data la difficoltà di transito sul versante occidentale. Si può ipotizzare una derivazione dalla radice prelatina *bal, roccia altezza, che nel tempo subì la trasformazione in bö, bue.
Guercia (Colle della, Vallone della): nome locale provenzale Güercio. Il toponimo, italianizzazione dal provenzale Guerce o Guers, corrisponde a nome di antica famiglia.
Pignal (Serriera di): il nome ha le origini nel latino 'pinus' e provenzale 'pin', pino, riferito alla cresta (Serriera) fasciata da antiche foreste di pini, pinete.
Collalunga (Cima di, Vallone di): nome locale provenzale Couolo Lonjo, Colle Longue per l'IGN è un riferimento che normalmente indica la distanza d'accesso o la forma allungata del rilievo.
Laus (Colletto, Rifugio): indica uno specchio lacustre (dal latino 'làcùs' e dal provenzale 'laus')

Escursione effettuata il 25 Agosto 2022
Compagnia dell'Anello formata da: Angelo, Frank, e José.
Località di partenza: Parcheggio di San Bernolfo (1663 m)
Punto più elevato raggiunto: Passo del Bue (2603 m)
Dislivello cumulato in ascesa: 1075 m
Sviluppo complessivo del percorso: 14,4 km
Tempo in movimento: 5h,15'
Difficoltà: EE (vedi scala difficoltà)
fotovideocronaca
Tracciato gps
mappa satellitare Wikiloc
percorso interattivo Relive


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
CompagniadellAnello
Inviato: 5/9/2022 1:12  Aggiornato: 5/9/2022 1:12
Guru
Iscritto: 27/12/2015
Da: Cuneo
Inviati: 577
 Re: Anello del Passo del Bue e del Colle della Guercia, d...
Descrizione del percorso: José
Fotovideocronaca: José e Adriano
Tracciato GPS: Angelo
Elaborazioni grafiche e coordinamento redazionale: Adriano
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
41 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 41

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it