Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Escursionismo : Anello del Sentiero Frassati del Piemonte, da Traves (TO)
Autore: cadri (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 27/07/22 01:23
Notizia riferita al: 23/08/21
Letture: 164

In Piemonte, il sentiero dedicato a Frassati, inaugurato il 28 Giugno 1997, è stato quello che Pier Giorgio percorse un mese prima della morte, in un'escursione alle "Lunelle" in Val di Lanzo.
Raggiungiamo in auto la frazione Villa diTraves (634 m) parcheggiando sulla piazza dove si trovano la chiesa parrocchiale e il municipio e da lì, zaino in spalla, dopo poche decine di metri imbocchiamo sulla destra un'ottima mulattiera, ben segnalata con cartelli in legno e tacche rosse, immergendoci in un fresco bosco di latifoglie.
Costeggiando il rio Piave in moderata pendenza e ampie svolte, superato un bianco pilone votivo e la fontana Ginuvrai, la mulattiera ci permette di giungere sui prati di Pian Bracon, un bel pianoro, parzialmente ricoperto da un boschetto di betulle, all'ombra delle quali si trova un'attrezzata area pic-nic con tanto di tavoli e panche.
Proseguiamo lungo l'ampio ed evidente sentiero e in prossimità di un pilone votivo prendiamo il sentiero sulla destra che sale serpeggiando con pendenza costante in un bosco di conifere, offrendo scorci panoramici sull'abitato di Traves, sull'aereo santuario di Sant'Ignazio, sul selvaggio crestone di Bramafam e sull'Uja di Calcante.
A una successiva biforcazione, proseguiamo sempre diritto; ora su tracciato più ripido che contorna la cima del Toro rituffandosi, poco più avanti, nel fresco bosco che ricopre it Pian delle Draie. Sul pianoro si intravedono, tra la vegetazione, i resti di antichi scavi di miniere a cielo aperto e non è raro scorgere tra i rami degli alberi il rapido e furtivo movimento dello scoiattolo.
Dal Pian delle Draie si procede lungo l'evidente sentiero fino a un bivio sulla destra con l'indicazione per salire alla Punta Lunelle.
E' pure considerato sentiero Frassati il percorso più facile e breve che arriva al Colle Prà Lorenzo. In questo caso si prosegue diritto lungo il tracciato che dopo una leggera discesa s'inerpica verso una caratteristica forcella. Poco oltre si arriva nel luogo sul quale è scritta la storia dell'attività estrattiva che per ben cinque secoli ha condizionato la vita della bassa Valle di Lanzo: le miniere d'oro delle quali si conservano buchi e caverne, scavati nella roccia, oggi in buona parte nascosti dalla vegetazione. Qui la credenza popolare voleva ci fossero giacimenti d'oro; in realtà dalle pendici del Calcante si estrasse solo ferro, un po' di rame, nichel e piombo. Dalle miniere il percorso prosegue quasi pianeggiante verso Fontanette, fino all'attraversamento del rio Ordagna e, dopo il guado, s'inerpica ripido fino alla meta di Colle Prà Lorenzo (1372m)
Noi invece seguiamo il tracciato per le Lunelle: un sentiero roccioso che taglia con un lungo traversone il versante Sud-Ovest della montagna fino a raggiungere una deviazione sulla destra che, in ripida traccia, porta alla croce di vetta di Punta Lunelle (1384m). Qui è pure apposta una targa che ricorda la preghiera che Pier Giorgio Frassati, giunto in vetta, era solito recitare per i caduti in montagna.
Da questa postazione si gode un panorama a 360 gradi che spazia su tutta la bassa valle di Lanzo nonché sulle cime delle vallate laterali.
Ridiscendiamo con attenzione al bivio sottostante e per completare il sentiero Frassati con un anello, anziché ritornare sul tragitto di salita, proseguiamo verso il Colle Lunelle (1318m) e da qui iniziamo a scendere sul versante del vallone del Rio dell'Uja su un sentierino che stenta a farsi largo tra l'erba alta e i cespugli di rododendro.
Più in basso, avvicinandoci al Col Cresta ed entrando nel bosco, la situazione migliora e ci permette una più agevole camminata verso la bella, ma purtroppo diroccata, borgata I Gerbi (1017m), ove ci concediamo una sosta ristoratrice.
Poco più avanti ad una svolta secca del sentiero verso Est si può scegliere di continuare dritto sulla traccia di sentiero che prosegue verso Sud e va a ricongiungersi con il percorso di salita nei pressi di Pian delle Draie.
Noi invece intendiamo ampliare ancora un po' il nostro anello e quindi scendiamo guadando il Rio Cenere, superiamo la borgata Prà Marella e arriviamo al ridente abitato di Pugnetto (843m), frazione del Comune di Mezzenile, noto per la tradizionale lavorazione artigianale del ferro e precisamente per la produzione, perlopiù, di chiodi per scarpe, attività che si è mantenuta fino alla metà del secolo scorso e praticata anche nel comune di Traves. Altra particolarità di questo paese è la curiosa chiesa bifrontale, cioè con due facciate, al cui interno fa spicco una tela che raffigura la Madonna di Vicoforte di Mondovì.
Lasciamo il paese, non prima di aver rifornito le nostre borracce con acqua fresca e ci dirigiamo verso la poco distante zona delle grotte, delle quali la più importante, la “Borna Maggiore di Pugnetto”, è unica nel suo genere, essendo con i suoi 765 metri di sviluppo la più estesa grotta d'Italia formatasi nei calcescisti ed è altresì area protetta a tutela delle varie specie di pipistrelli che in essa dimorano e sostano durante il letargo invernale.
Non ci resta ora altro che dirigerci verso la conclusione del nostro giro costeggiando, su buon sentiero, la base del versante Nord di Punta Serena (ove ammiriamo la presenza di numerosi ciclamini selvatici in fiore), scendendo infine a Villa di Traves dove chiudiamo questo interessante anello del sentiero Frassati del Piemonte.

Escursione effettuata il 23 Agosto 2021 da Adriano e Maria Teresa
Località di partenza: Villa diTraves (TO) 634m
Dislivello cumulato in ascesa: 810m
Sviluppo complessivo del percorso: 10 km
Tempo in movimento: 4h 30'
Difficoltà: E (vedi scala difficoltà)
fotovideocronaca
Tracciato gps
mappa satellitare Wikiloc
percorso interattivo Relive


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
103 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 103

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it