Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Escursionismo : Giro (di alcune) delle alte borgate di San Damiano Macra
Autore: CompagniadellAnello (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 06/06/22 01:14
Notizia riferita al: 26/05/22
Letture: 209

Questa settimana la Compagnia dell'Anello vi porta in un posto poco conosciuto della Valle Maira, tra alcune borgate di San Damiano Macra che si trovano poco sotto la dorsale percorsa dalla Strada dei Cannoni, divisoria tra le Valli Maira e Varaita. Siamo sulla porzione del versante sovrastato dai Monti Birrone, Longia e Rastcias. Seguiteci...
Risaliamo la Valle Maira fino a San Damiano Macra dove, quasi al termine del paese, poco prima del ponte che attraversa il torrente Pagliero, imbocchiamo la stradina asfaltata sulla destra ignorando dopo poco meno di un chilometro e mezzo la deviazione sulla destra per Pagliero e Chesta e proseguiamo per altri tre chilometri nel Vallone di Droneretto fin verso quota 1070m, ove c'è spazio per parcheggiare.
Zaino in spalla, iniziamo qui la nostra camminata sulla sterrata di sinistra (sulla destra c'è la strada per la borgata Fracchie dalla quale ritorneremo al termine del nostro giro ad anello) che sale nel bosco con una pendenza media del 20 per cento pervenendo dopo circa due chilometri ad una radura ove svoltiamo sul sentiero pianeggiante sulla destra (continuando sulla traccia di sinistra si sale verso la Rocca Agnelliera).
Da questo punto inizia un sentierino poco battuto dove bisogna porre attenzione per non perderne le tracce. Innanzitutto proseguendo in piano si arriva subito presso la diruta borgata di Droneretto, (1450m), ma qui il sentiero termina e per imboccare il tracciato corretto bisogna risalire di qualche metro sopra la borgata per ritrovarlo.
Dopodiché iniziamo il lungo traversone in saliscendi tra boschi misti di latifoglie, faggete, castagneti e un tratto in pietraia, che supera, a quota 1543m, il contrafforte del Monte Longia e ci porta ad intercettare la strada della borgata Chesta (1358m), la più alta prima di arrivare al Colle del Birrone. Chesta è un gradevole abitato ove si nota, anche dai lavori in corso, la cura dei proprietari nella manutenzione dei fabbricati e nell'attenzione ai particolari. Ci rinfreschiamo ad una delle numerose fontane, passando accanto alla chiesetta dedicata a Sant'Anna, su cui svetta il campanile con l'orologio perfettamente funzionante. Discendiamo ora sulla strada asfaltata passando in mezzo alle case della borgata Palù (o Pallo, Palou, Monofore - com'è indicato su un cartello ligneo all'ingresso del borgo) ammirandone gli ampi tetti di lose e, poco più avanti, all'altezza della borgata Soleri, individuiamo un sentierino che scende nel bosco, poi si perde e poco più sotto lo ritroviamo sotto forma di mulattiera che scende per dritto, abbastanza disagevole per la vegetazione che, a causa dello scarso utilizzo, la sta invadendo. In ogni caso arriviamo ad incrociare, presso un malandato pilone, che non si riesce ad individuare a chi sia dedicato, la bella sterrata che da Bersia – Serre attraversa il vallone del Rio Chesta fino a Fracchie. Col senno di poi, lo diciamo per chi volesse eventualmente cimentarsi in questo giro, è consigliabile, da Palù, continuare a scendere sull'asfalto fino ad Alberti; di qui, prendere la sterrata verso Serre evitando così, con poco tragitto in più, il disagevole tratto di discesa da Soleri al pilone innominato. Comunque presso il suddetto pilone troviamo la giusta “location” per il rito della pausa pranzo, reso oggi particolarmente guarnito per i festeggiamenti del compleanno di Mary con tanto di squisita torta e bottiglia di spumante (gamallata da Angelo). Riprendiamo il cammino sulla piacevole sterrata in leggero saliscendi che ci porta verso l'ultima borgata di oggi, Fracchie (1115m), allineata lungo la mulattiera, molto suggestiva e ben curata. Proseguendo in breve arriviamo al bivio ove abbiamo parcheggiato le auto chiudendo questo interessante anello percorso in ottima compagnia.
Note toponomastiche e curiosità
Droneretto: nome locale Drounirét. Il toponimo derivante dalla radice prelatina 'dor', acqua, e dal prefisso 'draco', territorio scosceso, frana, potrebbe porsi in relazione alla morfologia del luogo. Curiosità: a monte dell'abitato sono visibili i “garp”, due doline naturali di diversi metri di diametro, di forma conica, perfettamente uguali e distanti tra loro. Una leggenda narra che gli abitanti del borgo scaraventarono il diavolo giù dalla sommità della vicina Roccia Laccio: ruzzolando verso valle egli atterrò in piedi lasciando due impronte coniche nel terreno.
Chesta: nome locale Chèsto. Il toponimo origina dalla forma cognominale del nucleo familiare presente nell'insediamento. E' la più isolata del vallone di Pagliero, molto interessante sotto l'aspetto architettonico con colonne rotonde e finestre lavorate. E' stata l'ultima borgata ad essere collegata alla rete elettrica. Curiosità: nei dintorni di questa borgata si contano una trentina di croci situate in prossimità di un sentiero che porta al Colle Birrone
Soleri: nome locale I Soulìe. Anche in questo caso il toponimo origina dalla forma cognominale del nucleo familiare presente nell'insediamento. Curiosità: investita da una valanga anni or sono, si presenta in pessimo stato di conservazione. Essendo il sito soggetto a questa calamità, i tetti delle costruzioni ancora integre sono un prolungamento del pendio in modo da non essere travolti dalle slavine.
Fracchie: nome locale Frace. Il toponimo pare derivare dall'aggettivo occitano 'frac' indicante un terreno disboscato

Escursione effettuata il 26 Maggio 2022
Compagnia dell'Anello formata da: Adriano, Angelo, Franco G, Frank, Luisa, Mary, Osvaldo e Rita
Località di partenza: Bivio Fracchie 1077m
Punto più elevato raggiunto: Contrafforte Monte Longia 1543m
Dislivello cumulato in ascesa: 588m
Sviluppo complessivo del percorso: 11,7 km
Tempo in movimento: 4 h
Difficoltà: E (vedi scala difficoltà)
fotovideocronaca
Tracciato gps
mappa satellitare Wikiloc
percorso interattivo Relive


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
CompagniadellAnello
Inviato: 10/6/2022 19:39  Aggiornato: 10/6/2022 19:39
Guru
Iscritto: 27/12/2015
Da: Cuneo
Inviati: 536
 Re: Giro (di alcune) delle alte borgate di San Damiano Macra
Descrizione del percorso: Adriano
Fotovideocronaca: Adriano
Tracciato GPS, elaborazioni grafiche e coordinamento redazionale: Adriano
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
77 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 77

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it