Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Racchette da neve : Anello di Costa Chiggia e del Monte Buch
Autore: CompagniadellAnello (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 06/01/20 18:13
Notizia riferita al: 02/01/20
Letture: 776
Racchette da neve

Come prima uscita del nuovo anno (e prima uscita sulla neve) la Compagnia dell'Anello sceglie la classica delle classiche, cioè il giro di Costa Chiggia, sempre gettonatissimo, sia dagli scialpinisti che dagli escursionisti con le racchette da neve, per la sicurezza del percorso e per l'incomparabile panorama a 360 gradi che accompagna per i tre chilometri di cresta, sempre oltre i 2000 metri di quota, dal Colle Intersile Nord alla cima del Monte Buch.
Siamo in Valle Maira che, da Dronero, risaliamo fino a Ponte Marmora dove svoltiamo a sinistra in direzione di Canosio e Marmora.
La stretta strada, a tratti fiancheggiata da cascate di ghiaccio, richiede un po' d'attenzione se s'incontrano altri veicoli; all'incrocio con la strada per Canosio e il Vallone del Preit si prosegue dritto per svoltare a sinistra appena all'inizio dell'abitato di Marmora (indicazione “Parrocchiale”). Si prosegue per un chilometro circa dopodiché s'imbocca il bivio a sinistra (indicazione “Chiesa Parrocchiale”) fino ad arrivare alla Chiesa di San Massimo o Parrocchia di Marmora.
Lasciamo qui l'auto (lungo la strada poiché il parcheggio è già pieno) e, appese le ciastre allo zaino poiché la neve compatta permette una più agevole camminata con il semplice ausilio dei ramponcini, il nostro “safety man” (*) Osvaldo, per dimostrare la ritrovata piena forma, anziché la più comoda strada, imbocca il più ripido sentiero sulla destra che sale direttamente alle grange Cros!
Qui, dove al ritorno chiuderemo il nostro anello, volendo fare il giro in senso antiorario proseguiamo a destra sulla strada fino al Colle Intersile Nord (2026m).
Due “piè veloci” della compagnia invece non badano al bivio per il Colle Intersile Nord, proseguendo sino al successivo Colle Intersile Sud dove, accortisi dell'errore, rientrano scollinando attraverso la cima Monte Festa (2130m). Tale variante presenta però qualche difficoltà nella discesa sul versante Nord (non consigliabile).
Il resto del gruppo, i “Va-lentini”, arrivano nel frattempo all'Intersile Nord e dal colle, sostituendo i ramponcini con le racchette da neve e seguendo la traccia a sinistra, per cresta, in facile salita, raggiungono i 2156 metri di Costa Chiggia, dove attendono l'arrivo dei compagni “dispersi”.
La cima di Costa Chiggia, complice anche la giornata con un meteo eccezionale, consente una straordinaria visuale:
- a Nord verso il Chersogno, il Pelvo d'Elva, la Marchisa e il Monviso;
- a Sud verso il Tibert e le Punte Tempesta e Piovosa;
- a Ovest verso il Vallone del Preit e le cime del Giobert, La Bianca, il Becco Grande, La Meja e, in lontananza, verso la mole dell'Oronaje;
- ad Est, infine, verso il vallone di Celle Macra, ornato dalle sue numerose e belle borgate, verso la bassa Valle Maira e, in lontananza, verso la pianura soffocata da una grigia bruma che ci rammenta quanto siamo fortunati per essere qui a goderci l'aria tersa e tanta bellezza....
Questa cima, molto frequentata, permette, oltre al magnifico panorama, l'incontro con tanti appassionati provenienti da ogni parte d'Italia (e non solo), con i quali scambiamo le impressioni e le emozioni, individuiamo le cime che ci circondano e ci auguriamo tante belle escursioni durante l'anno appena iniziato...
Proseguiamo il nostro cammino in cresta scendendo tra radi larici al colletto che divide Costa Chiggia dal Monte Buch. Da qui diparte un sentiero che raggiunge le borgate di Macra site sulla Cresta del Castello e più avanti, poco prima della croce di vetta, incontriamo la palina indicante un altro sentiero per Palent, la principale borgata della Comba Aramola, facente parte sempre del territorio di Macra.
La cima del Monte Buch (2111 m.) è meno frequentata della dirimpettaia Costa Chiggia, ma regala comunque eguale esteso panorama, godibile dalla tranquilla ampia dorsale che la caratterizza.
Per il ritorno, poiché la neve, a tratti crostosa, non facilita la discesa dritto per dritto, decidiamo di effettuare un semicerchio sul pianeggiante innevato crestone verso Ovest, in direzione di Grange Murlone, per scendere poi alla volta della parte sommitale del lariceto nei pressi delle Grange Gorgia, dove possiamo imboccare la comoda stradina che qui arriva da Parrocchia di Marmora.
Seguendo questa carrareccia, con un lungo traverso in graduale pendenza, andiamo a tagliare il versante occidentale della Costa Chiggia fino a raggiungere la bella cappella di San Teodoro, protettore dei pascoli, dove è d'obbligo una pausa ristoratrice e un brindisi al nuovo anno in allegra e simpatica compagnia.
Di qui, a passi e scivoloni, in breve scendiamo alle Grange Cros e quindi a Parrocchia dove terminiamo il nostro suggestivo e gratificante percorso.
(*) safety man (figura esclusiva della Compagnia dell'Anello): moderatore di camminata alla stregua della “safety car” in Formula Uno

Note Toponomastiche
Marmora: dal latino 'marmor' e dal provenzale 'marmièro', il toponimo è in riferimento a località sede di antiche cave di marmo.
Intersile (Colle): il toponimo evidenzia l'ampio e profondo solco del vallone (dal provenzale 'int', profondo, e 'silhun', solco).
Chiggia (Costa): è probabilmente una storpiatura del termine provenzale 'glija', che indica un terreno non ripido, ma coperto da un caratteristico manto erboso scivoloso.
Buch (Monte): la voce provenzale 'buch' (da non confondere confondere con 'bouc', il maschio della capra), in questo caso equivale a zona boscosa, che appunto caratterizza i versanti di questo monte.

Escursione effettuata il 2 Gennaio 2020
Compagnia dell'Anello formata da: Adriano, Antonio, Franco, José e Osvaldo
Località di partenza: Parrocchia di Marmora (Valle Maira) 1549m
Altitudine massima: m 2156
Dislivello cumulato in ascesa: m 700
Sviluppo totale del percorso: km 11,2
Tempo in movimento: 4h 00'
Difficoltà: EAI-WT1 (vedi scala difficoltà)
fotocronaca
Tracciato gps
mappa interattiva Wikiloc
trailer


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
CompagniadellAnello
Inviato: 8/1/2020 2:35  Aggiornato: 8/1/2020 2:35
Guru
Iscritto: 27/12/2015
Da:
Inviati: 395
 Re: Anello di Costa Chiggia e del Monte Buch
Descrizione del percorso: Adriano
Fotocronaca: Adriano e José
Tracciato GPS, grafica e coordinamento redazionale: Adriano
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
17 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 17

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it