Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Alpinismo : Anello delle Cime Ciriegia e Mercantour
Autore: CompagniadellAnello (Notizie dello stesso autore)
Notizia inviata il: 04/10/19 18:45
Notizia riferita al: 26/09/19
Letture: 382

Grandioso e spettacolare anello quello che l'omonima Compagnia ha affrontato e concluso oggi, nel contesto di una giornata calda e soleggiata che solo l'inizio d'autunno sa dare. Siamo nel cuore delle Marittime, il tour concatena i Colli e le relative Cime di Ciriegia e Mercantour (con una puntata lampo alla Cima della Leccia m 2673, da parte del solito incontentabile, e in seguito anche da parte di Gianni e Osvaldo, quando hanno rinunciato a proseguire lungo la traccia di sentiero un tantino esposto dopo il Colle di Ciriegia).
Ma andiamo con ordine: siamo nel cuore del Parco Naturale delle Alpi Marittime, come già detto, il tragitto stradale transita nella Valle Gesso, e dopo S.Anna e Terme di Valdieri si percorre la rotabile che conduce al lungo altopiano denominato Pian della Casa del Re; una considerazione su questa strada d'alta quota sembra d'obbligo: se fino al Gias delle Mosche è praticamente perfetta, con manto stradale asfaltato, perché non fare un minimo di manutenzione per il successivo tratto sterrato, consistente in una orribile teoria di buche e pietre col rischio costante di incorrere in spiacevoli guai al mezzo motorizzato?
Giunti all'inizio del su menzionato Pian della Casa del Re, a quota m 1735, lasciamo le automobili ed intraprendiamo il cammino lungo il sentiero che sulla destra, dopo l'attraversamento del rio su un ponticello in legno, si sviluppa in direzione del versante NE, e dopo alcune centinaia di metri semipianeggianti inizia ad innalzarsi lungo il suddetto versante con alcune serpentine di moderata pendenza; tralasciato sulla destra il tracciato per i Laghi e il Colle di Fremamorta (palina segnaletica), il sentiero si inerpica ora con più accentuata pendenza inoltrandosi nel selvaggio Vallone di Ciriegia, fino a raggiungere l'omonimo Colle a quota m 2543, spartiacque di confine tra Italia e Francia, ove trovasi una imponente fortificazione militare, ancora in discrete condizioni sulla quale è affissa una targa con poche, ma significative parole che merita riportare: “Per questo colle, nel settembre 1943, centinaia di ebrei di tutta Europa cercarono, molti invano, la salvezza dalla persecuzione antisemita. Tu che passi libero, ricorda che questo è stato ogni volta che accetti che un altro abbia meno diritti di te.”
Dopo la salita lampo di un componente la Compagnia alla Cima della Leccia m 2673, in attesa dell'arrivo del resto del gruppo, l'itinerario prevede l'aggiramento della lunga cresta SO della Cima di Ciriegia, raggiungendo il versante SE in territorio francese lungo una labile traccia di sentiero sensibilmente esposto con un paio di passaggi delicati (qui la rinuncia di due componenti che raggiungeranno in seguito la già menzionata Cima della Leccia). Un lungo traversone in costante ascesa su terreno misto di rocce ed erba ci conduce all'apice della cresta, e cioè alla Cima di Ciriegia m 2727, senza particolari difficoltà. Da qui, circa trecento metri più in basso, le acque azzurrine del Lago di Mercantour fremono ad una brezza che a noi reca sollievo visto il caldo quasi eccessivo di questo inizio d'autunno.
La prosecuzione dell'itinerario ora si sviluppa in duplice percorso: un elemento si avvia lungo la frastagliata cresta per ridiscenderla di una ventina di metri alla fine della stessa, quando un salto di roccia la rende impercorribile, per poi risalire i ripidi pendii del versante SO adducenti alla cresta NO della Cima di Mercantour; gli altri tre preferiscono scendere un centinaio di metri direttamente dalla cima su ripidissimi terrazzini erbosi, fino a raggiungere la piana soprastante il lago, per poi dirigersi lungo l'itinerario di versante e cresta già descritti.
Ricongiungimento del gruppo sulla Cima di Mercantour m 2775, molto ampia e caratterizzata da un grande cumulo di pietre con una striminzita croce in legno: la giornata particolarmente limpida delizia la vista, con Ghiliè, Brocan, Bastione, Nasta, Argentera, Matto, Valmiana, Paur, Bresses, Tablasses, Prefouns, Giegn, per citare solamente le vette in primo piano, altrimenti l'elenco necessiterebbe di una pagina supplementare!
La discesa verso il Colle Mercantour Ovest ci impegna con un lungo tratto alpinistico (classificato F), con alcuni passaggi abbastanza esposti, seppur bene appigliati con roccia stabile; scendiamo il versante N, appena al di sotto della cresta E, fino a raggiungere il predetto colle, ove ci concediamo una strameritata pausa pranzo.
Da qui in avanti il tragitto proseguirà lungo un sentiero ben tracciato e segnalato che discende il lungo Vallone di Balma Ghiliè, per poi innestarsi sul sentiero principale del Vallone Assedras, discendente dal Rifugio Remondino.
Note di toponomastica:
Ciriegia: deve il nome (dal latino tardo cerexa, provenzale Cerieso) all'abbondanza delle piante di ciliegio selvatico che colonizzano la parte bassa della valle;
Leccia: conta alcune interpretazioni etimologiche poco convincenti. L'oronimo, che conserva la radice prelat. *lec (celtico lec'h) 'lastra di pietra', esprime il significato di 'cima a lastronate rocciose lisciate dall'acqua';
Mercantour: è l'antica denominazione del valico Malcontourn (provenzale Mau-countour) a segnalare un 'percorso faticoso', in relazione al vicino, e più agevole, Colle di Ciriegia;
Ghiliè: l'oronimo Ghiliè (dal provenzale Eigliero) estende il significato a 'territorio frequentato da uccelli rapaci, aquile';
Assedras: provenzale Asseda, significa 'terreno privo d'acque in superficie'.

Escursione effettuata il 26 Settembre 2019
Compagnia dell'Anello formata per l'occasione da: Adriano, Antonio, Franco, Gianni, José e Osvaldo
Località di partenza: Pian della Casa del Re 1735m – Valdieri – Valle Gesso (CN)
Punto più elevato raggiunto: Cima di Mercantour 2775m
Dislivello cumulato in ascesa: 1187m
Sviluppo complessivo del percorso: 12,4 km
Tempo in movimento: 5h 15'
Difficoltà: EE (F alcuni passaggi dal Colle per la Cima di Ciriegia e F+ il tratto tra la Cima e il Colle di Mercantour) vedi scala difficoltà

fotocronaca
Tracciato gps
mappa satellitare Wikiloc
percorso interattivo
trailer


Stampa la pagina Manda la notizia a qualcuno Crea un PDF con questa notizia
Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Commento
CompagniadellAnello
Inviato: 4/10/2019 18:49  Aggiornato: 4/10/2019 18:49
Guru
Iscritto: 27/12/2015
Da:
Inviati: 366
 Re: Anello delle Cime Ciriegia e Mercantour
Descrizione del percorso: Antonio
Fotocronaca: Adriano, Antonio e José
Tracciato GPS, grafica e coordinamento redazionale: Adriano
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
52 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 52

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it