Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

NODI  PER  L'ALPINISMO

 

NODO DELLE GUIDE: è il nodo per legarsi all'imbrago. Nasce dal nodo savoia (ad otto), si infila il capo della corda nelle asole dell'imbrago e si ripassa, in senso inverso. Questo nodo ha un'ottima tenuta allo strappo ma talvolta presenta una certa difficoltà per lo scioglimento.

Nodo delle guide



IL BARCAIOLO: è un nodo per l'autoassicurazione, è in altre parole il vincolo che lega la cordata alla parete. Con la corda nel moschettone, prendere con due dita un capo e formare un'asola incrociandolo con l'altro capo. Mettere l'asola nel moschettone. La corda resta così bloccata in entrambe le direzioni, mai capi possono essere facilmente regolati per allungarne uno o l'altro. Il nodo resta facilmente scioglibile anche dopo un fortestrappo.





IL MEZZO BARCAIOLO
: è un nodo, di facile esecuzione, usato per l'assicurazione, permette di accompagnare i movimenti del compagno di cordata sia per dare corda sia per recuperare. Permette lo scorrimento della corda, ma funziona da freno, e permette un rapido bloccaggio senza sforzo. In figura con A è indicato il capo a cui è legato il compagno e con B il capo libero. Come si può vedere l'unica differenza tra i due nodi consiste nell'incrociare i due capi per realizzare il barcaiolo.



 

ASOLA DI BLOCCAGGIO: consente di bloccare lo scorrimento della corda anche se questa è in tensione. Se stiamo facendo sicurezza al compagno col mezzo barcaiolo è ovvio che, anche se questo si trovasse in difficoltà, non potremmo lasciare il capo della corda ne potremmo muoverci. Realizzando un'asola di bloccaggio possiamo liberarci dalla posizione ed effettuare qualsiasi altro movimento. Con A è sempre indicato il capo della corda in tensione e con B il capo libero. Per sciogliere l'asola è sufficiente tirare il capo B. Si consiglia sempre, per maggior sicurezza, di realizzare anche una contro asola




DOPPIO INGLESE: serve per unire i capi delle corde, è usato per la giunzione di due corde o per realizzare anelli di cordino. E' bene che i capi delle corde siano sufficientemente lunghi in modo che, in caso di forte sollecitazione, non possa sciogliersi per lo scorrimento dei capi stessi. Accoppiate le corde, realizzare due spirali intorno ad entrambe in direzione dell'altro capo e quindi far passare il capo (con cui si sono realizzate le spire) dentro le spire e stringere. Ripetere l'operazione con l'altro capo. Stringere bene, facendo in modo che i due gruppi di spire realizzate si contrappongano, tirando alternativamente i quattro capi.

 

  
NODO DELLE FETTUCCE: usato per congiungere cordini e fettucce.                                                      

 
 
 

NODO MARCHAND: per l'autoassicurazione nella discesa a corda doppia. Può essere fatto con una o due asole ed è preferibile ad altri nodi autobloccanti perché più pratico e funziona meglio con le corde gelate.

 

Il numero di giri necessari per eseguire il nodo è inversamente proporzionale alla differenza di diametro tra la corda, sulla quale si esegue la discesa, e il cordino usato. Verificare sempre, prima di scendere, che il nodo si blocchi sollecitandolo verso il basso (o verso l'alto) con un colpo secco.





NODO PRUSIK: è possibile avvolgerlo sia ad una corda singola che ad una doppia, e anche il numero di spire può variare d'accordo con l'utilizzo. Di solito, tutti i nodi della famiglia dei prusik vengono fatti con un cordino di diametro inferiore a quello della corda. Il prusik ha come caratteristica principale il fatto che può essere legato con un cordino chiuso ad anello (con un nodo doppio inglese). E' anche un nodo simmetrico, il che lo rende bi-direzionale.

 

 

Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
43 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 43

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it