Home | Foto | Video | Notizie | Agenda | GPS | Articoli | Meteo | WebCams | Contattaci | Aiuto

Menu principale

Album foto

Foto a caso

Scala delle difficoltà

 

ESCURSIONISMO

 

 

Questa scala esprime una valutazione estremamente sintetica delle difficoltà d’insieme dell’itinerario, che tiene conto delle seguenti caratteristiche: tipo di percorso, segnaletica, dislivello e sviluppo, ripidezza, eventuali difficoltà di orientamento o reperibilità del percorso stesso, quota (altezza) che raggiunge o alla quale si sviluppa, durata complessiva. Eventualmente: esposizione dei passaggi, difficoltà tecniche (su roccia, neve, ecc.), tipi di attrezzature fisse dei tratti rocciosi (cavi, scalette, ecc.), rischi o pericoli.


T = turistico. Comprende itinerari che si svolgono su stradine, mulattiere o comodi sentieri. I percorsi sono abbastanza brevi, ben evidenti  e segnalati,che non presentano particolari problemi di orientamento. Si sviluppano al di sotto dei 2000 metri di quota, con dislivello massimo di 400-500 m e durata di 2-3 ore di cammino. Sono escursioni che non richiedono particolare esperienza o preparazione fisica.

E = escursionistico. Gli itinerari così classificati costituiscono i percorsi escursionistici più numerosi e diffusi. Vi sono compresi gli itinerari anche lunghi che si svolgono su sentieri o tracce, generalmente segnalati, ma di maggior impegno fisico e di orientamento. Si snodano su terreno vario (boschi, pascoli, ghiaioni, ecc..) o su terreno aperto ma non problematico, ma con segnalazione adeguata, e possono esservi brevi tratti con neve, facili e non pericolosi in caso di scivolata. Sono escursioni che possono svolgersi su pendii ripidi, anche con brevi tratti esposti. Questi sono però ben protetti (barriere, reti) o attrezzati (cavi, brevi scalette, pioli) e non richiedono l'uso di attrezzatura alpinistica. Questi itinerari richiedono una certa abitudine a camminare in montagna, sia come allenamento che come capacità d'orientamento. Occorre avere un equipaggiamento adeguato.

EE = escursionisti esperti. Si tratta di itinerari generalmente, non sempre, segnalati, che implicano una buona capacità di muoversi agevolmente su terreni diversi e particolari: tracce impervie, pendii ripidi, ghiaioni e brevi nevai superabili senza l'uso di attrezzatura alpinistica a quote superiori ai 2000 metri. Possono esserci tratti di difficile orientamento (utile l’uso della bussola) e passaggi rocciosi di bassa difficoltà tecnica, che possono richiedere, per l’equilibrio, l’uso occasionale delle mani. Necessitano di una buona esperienza di montagna, di una buona preparazione fisica, passo sicuro e assenza di vertigini. Occorre inoltre avere un equipaggiamento ed attrezzatura adeguati.

EEA = per escursionisti esperti, con attrezzatura. Itinerari per escursionisti esperti che richiedono in alcuni tratti l'uso di attrezzatura alpinistica (corda, imbragatura, kit da ferrata; ramponi, piccozza).
Possono essere sentieri attrezzati, vie normali, facili e brevi vie ferrate, percorsi che attraversano nevai con una certa pendenza. Si rende necessario saper utilizzare in sicurezza l'equipaggiamento tecnico e avere una certa abitudine all'esposizione e ai terreni più alpinistici.


Fonte ufficiale CAI

 

Commenti
Visualizzazione:
I commenti sono proprietà dei rispettivi autori.
Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Accesso
Nome utente:

Password:


Registrati

Hai perso la password?

Condividi

Cerca
Google


Ricerca avanzata


Installa motore di ricerca

Utenti connessi
48 utenti sono connessi

Iscritti: 0
Visitatori: 48

altri...

A quanto siamo...
Siamo a:



pagine visitate

Pubblicità

   


Google
LaFiocaVenMola.it - info@lafiocavenmola.it